Attacco all’ambasciata Usa a Pechino, fermato un 26enne | VIDEO

di Redazione | 26/07/2018

attacco Pechino

C’è stata un’esplosione, intorno alle 13:00 di oggi, nello spazio pubblico all’angolo sud-est del complesso dell’ambasciata degli Stati Uniti a Pechino. La notizia è stata confermata in un primo momento da un portavoce dell’ambasciata che ha parlato con HKFP, Hong Kong Free Press. «A parte l’uomo che ha fatto esplodere la bomba – rivela la stessa fonte -, non ci sono stati feriti e la polizia locale ha avuto una pronta reazione».

Attacco Pechino, il video della colonna di fumo all’ambasciata USA

Foto e video dell’esplosione, in ogni caso, sono stati pubblicati sui social network poco dopo, quando la polizia aveva già creato un blocco stradale attorno a un suo veicolo danneggiato dall’esplosione. Nel suo resoconto su Weibo – il Facebook cinese -, la polizia di Pechino ha detto che un uomo di 26 anni, originario della Mongolia, soprannominato Jiang, è stato identificato come l’autore dell’attacco dinamitardo, in un punto preciso vicino all’ambasciata americana, all’incrocio tra Tianze Lu e Anjialou Lu verso le 13:00.

La polizia ha anche detto che la sua mano era ferita, ma che l’assalitore non è in pericolo di vita. Lo hanno arrestato e lo hanno mandato in ospedale. Nessun’altra persona è stata ferita. Non trapela altro, al momento, in via ufficiale. Secondo alcuni racconti – ancora da verificare – una donna avrebbe minacciato un altro attacco. Questa versione, tuttavia, non è stata confermata, così come non si capisce se i due episodi siano collegati.

Attacco Pechino, il racconto dei testimoni

Secondo Radio Free Asia, emittente vicina agli Stati Uniti, testimoni oculari hanno che l’ordigno è esploso intorno al 26enne, mentre quest’ultimo – in un primo momento – aveva cercato di lanciarlo all’interno della cancellata dell’ambasciata, dove di solito le persone attendono per ottenere visti e documenti. L’esplosione, come ricordato, ha danneggiato una vicina macchina della polizia.

Sono ancora ignote le cause che hanno portato il giovane a compiere il gesto. Gli inquirenti proveranno ad acquisire maggiori informazioni nelle prossime ore.

[FOTO: screenshot da video pubblicato su Twitter]

TAG: Pechino