mamma sostegno
|

La storia di Sara che si offre come mamma di sostegno ai matrimoni LGBT

Andare all’altare il giorno del proprio matrimonio nel migliore dei modi è una preoccupazione forte. Sia per chi è lo sposo o la sposa. Non tutti però sono fortunati. C’è chi non ha più un genitore che lo accompagni e chi, spesso, ha un genitore che non accetta quel matrimonio: specialmente se è fra il figlio e una persona dello stesso sesso. Nonostante tutto l’amore che c’è.

LEGGI ANCHE > «Cammini come un fr****», ragazzo picchiato a sangue a Torino

Sara Cunningham, madre di due figli dell’Ohio, lavora in uno studio di architettura. Si presta come “mamma” per accompagnare all’altare gli sposi nei matrimoni LGBT. Sara ha un figlio che le ha rivelato la propria omosessualità. Ma non si è abbattuta. Anzi, è diventata una vera e propria attivista per i diritti civili.
«Ho pensato ‘se mio figlio sta andando all’inferno perché è gay, combatterò per lui anche se i miei capelli andranno in fiamme’», ha detto a Buzzfeed che racconta la sua storia. «Ho visto il potere di ciò che la paura e l’ignoranza possono fare», ha aggiunto. Dal 2016 Cunningham ha sposato persone in tutto l’Ohio, incluse molte coppie LGBTQ +. Venerdì ha postato un annuncio, offrendosi come “mamma” per le nozze. Il post è diventato virale.

«Le persone hanno bisogno di speranza – ha spiegato a BuzzFeed – e dobbiamo esserci l’una per l’altra in qualsiasi modo o forma. La speranza non delude mai».

TAG: matrimoni