Emanuele Filiberto Re d'Italia
|

Emanuele Filiberto si candida: «Sarò il Re degli italiani»

Emanuele Filiberto ci vuole provare in tutti i modi. Il suo sogno, nemmeno tanto nascosto, di salire (fisicamente) sul trono del Regno d’Italia continua a riproporsi. Ci aveva provato già nel 2010, partecipando a Sanremo cantando insieme a Enzo Ghinazzi, in arte Pupo, e al tenore Luca Canonici la hit Italia amore mio, finita sorprendentemente sul podio della kermesse musicale italiana. Ora, secondo Emanuele Filiberto, è arrivato il momento di scendere in politica perché sono proprio gli italiani a chiederglielo.

LEGGI ANCHE > Emanuele Filiberto e i brogli al referendum per la Repubblica: «Centinaia di migliaia di voti finiti chissà dove»

In un’intervista rilasciata a Libero, l’erede di Casa Savoia ha dichiarato di voler ridare nobiltà alla politica italiana, che in questo momento storico ha perso tutti i propri valori. «In tutti questi anni i partiti politici hanno fatto troppo i paraculi – ha sottolineato Emanuele Filiberto -. Noi italiani siamo un popolo meraviglioso, con una grande industria e dobbiamo ritrovare il nostro posto nel mondo».

Emanuele Filiberto Re d’Italia, i sondaggi dicono di sì

Sogno di una notte di mezza estate per Emanuele Filiberto, che ha da parte sua i favori di un sondaggio dell’Istituto Piepoli che ha fatto emergere la volontà del 15% degli italiani di un ritorno alla Monarchia. «Sono rimasto molto sorpreso da questo risultato. Parliamo di oltre 12 milioni di cittadini vogliosi di un cambiamento radicale». Giuste ambizioni – anche se il 15% degli aventi diritto al voto in Italia supererebbe di poco i 5 milioni di cittadini – alimentare ancor di più dall’indicazione del suo nome come Re d’Italia da parte dell’8% degli intervistati.

Emanuele Filiberto Re d’Italia «leghista»

Nell’intervista a Libero, il Principe ha anche parlato dell’attuale situazione politica italiana: «Credo che l’Italia debba seguire il modello Trump, pensando prima agli italiani. L’Europa è molto importante ma il nostro governo deve puntare a ricoprire un ruolo che non la porti a esser serva di Marcon e di Merkel». Posizioni che lo porterebbero a braccetto con la Lega di Salvini, e si sa che i monarchici sono tendenzialmente legati a ideali di centrodestra.