La Francia accoglierà 132 migranti di Aquarius e Lifeline

di Redazione | 04/07/2018

francia migranti

Come spiega Le Monde la Francia è pronta ad accogliere 132 migranti che si trovavano a bordo della Lifeline e della Aquarius. A riferirlo alla testata è stato l’Ufficio francese di protezione dei rifugiati e  apolidi (Ofpra).
L’Aquarius ha attraccato a Valencia questo 11 giugno con 629 persone a bordo. Le nazionalità più numerose erano i sudanesi (184), i nigeriani (1449), gli eritrei (52) e gli algerini (41).

LEGGI ANCHE > Nel primo mese del governo Conte, si è registrato il record di migranti scomparsi nel Mediterraneo

All’arrivo della nave Aquarius l’Ofpra si è recata a Valencia per identificare possibili richiedenti asilo. Tra questi circa 215 persone erano intenzionate a far domanda d’asilo in Francia.  Secondo Le Monde per la precisione 121 sudanesi, 39 eritrei et 37 algerini.

Di queste persone però solo 135 persone hanno partecipato alle interviste. Questa differenza può essere spiegata – analizza il giornale francese – dal fatto che alcune nazionalità sanno di avere poche possibilità di ottenere quei documenti in territorio francese. Il tasso di protezione per i richiedenti asilo algerini è stato, ad esempio, solo del 5,9% nel 2017. In realtà sono soprattutto le persone del Maghreb che non si sono presentate agli agenti di protezione francese giunti a Valencia.

«Mentre l’Italia continua a rifiutare di accogliere le imbarcazioni delle ONG nei suoi porti – spiega Le Monde (con un tono un po’ polemico) – un’altra nave, la Lifeline, è arrivata a Malta il 27 giugno con oltre 234 migranti a bordo. Questa volta, oltre a Ofpra, diversi uffici di protezione europei hanno proposto domande di asilo per i migranti salvati, comprese realtà gestite da Portogallo, Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi e Irlanda. L’OFPRA ha già completato la sua missione e ha identificato 52 persone, principalmente sudanesi ed eritrei, che potranno beneficiare dell’asilo in Francia».

 

In copertina Merkel e Macron (Credit Image: © Shan Yuqi/Xinhua via ZUMA Wire)