Roberto Fico si schiera con Saviano e va allo scontro aperto con Salvini

di Gianmichele Laino | 22/06/2018

Fico difende Saviano

Il presidente della Camera Roberto Fico difende Saviano dopo la polemica di ieri con Matteo Salvini. L’esponente del Movimento 5 Stelle, nonostante il suo ruolo istituzionale, si inserisce all’interno di uno scontro che ha raggiunto l’apice sia con le dichiarazioni del ministro dell’Interno ad Agorà («valuteremo l’opportunità che Saviano mantenga la scorta»), sia con la risposta del giornalista e scrittore, che ha dato del «buffone» a Salvini, apostrofandolo come «Ministro della malavita».

LEGGI ANCHE > Saviano risponde a Salvini: «Buffone, ministro della malavita» | VIDEO

Fico difende Saviano e si schiera apertamente contro Salvini

Il presidente Fico, tuttavia, non è in linea con le dichiarazioni dell’esponente del governo di cui è espressione. Anzi, ne prende in maniera decisa le distanze. Dopo ben dodici ore dallo scontro tra i due, la terza carica dello Stato scrive un post su Facebook in cui difende in maniera risoluta Roberto Saviano.

«L’Italia – scrive Fico – è il Paese che ha nel suo ventre tre fra le più grandi organizzazioni criminali internazionali: mafia, camorra, ‘ndrangheta. Tutti i cittadini, gli imprenditori e gli intellettuali che hanno avuto il coraggio di denunciare e opporsi alla criminalità organizzata devono essere protetti dallo Stato».

Tra le righe del linguaggio diplomatico utilizzato da una figura istituzionale si legge una spaccatura molto profonda tra il presidente della Camera e il ministro dell’Interno (che era stata evidente anche sul discorso dei migranti e dei rom). La pres di distanza dalle parole di Salvini è evidente e anche piuttosto esplicita.

Fico difende Saviano, la sua posizione è definitiva

«Spero – ha continuato Roberto Fico – che al più presto questo male che rovina la vita a migliaia di persone, si infiltra nell’economia e talvolta nelle istituzioni, possa essere definitivamente sradicato, diventando così solo un brutto ricordo. In questo modo nessuno dovrà più essere scortato perché finalmente libero». Insomma, una lotta anche sulla scia delle parole di Roberto Saviano che ha ricordato come Salvini, eletto in Calabria, abbia tenuto dei comizi in presenza di esponenti di famiglie legate in qualche modo alla ‘ndrangheta. Insomma, non è possibile restare indifferenti di fronte alle gravi affermazioni sulla scorta a Roberto Saviano: anche il presidente della Camera, figura imparziale, prende una posizione. Decisa.