lega nord conti
|

Matteo Salvini rivela di aver preso 48 all’esame di maturità | VIDEO

Mentre sale la febbre per la maturità 2018, Matteo Salvini a modo suo fa gli auguri a tutti i ragazzi della classe 1999 che, in queste ultime ore, stanno affrontando la prova d’italiano dell’esame di Stato. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini rivela il voto del suo esame di maturità: il leader della Lega, infatti, ha ammesso di aver conseguito il risultato di 48, quando il massimo dei voti era in base 60.

Tra le tracce proposte quest’anno, quella dell’analisi del testo su Giorgio Bassani e su un brano del Giardino dei Finzi Contini, il tema storico su Alcide De Gasperi e Aldo Moro, la prova di indirizzo artistico sulla solitudine, con una poesia di Alda Merini, il tema scientifico sulla clonazione e i risvolti bioetici, la traccia di economia sull’innovazione.

LEGGI ANCHE > Maturità 2018, è la volta di Giorgio Bassani e del Giardino dei Finzi Contini

Matteo Salvini voto maturità 48, gli auguri ai ragazzi del ’99

Prima di conoscere il loro destino, i ragazzi della maturità 2018, in ogni caso, hanno incassato l’incoraggiamento di Matteo Salvini che, attraverso i propri canali social, ha fatto loro l’in bocca al lupo. «Ragazze e ragazzi, in bocca al lupo per la maturità! Un po’ vi invidio e se potessi tornerei agli anni del Manzoni a Milano, con i miei italiano e latino allo scritto, greco e storia all’orale, e un 48 finale».

Matteo Salvini voto maturità, il racconto del suo esame

Matteo Salvini ha anche pubblicato un video in cui ha voluto personalmente offrire i suoi consigli ai ragazzi che si apprestano a svolgere la traccia d’italiano: «Io la maturità l’ho fatta 20 anni fa – ha rivelato Salvini -: mi ricordo che tenni aperti i libri fino alle 4 di mattina, cosa che non si dovrebbe assolutamente fare». Non solo: il ministro dell’Interno ha ammesso anche di aver scelto greco e storia all’orale perché di fisica non ci capiva assolutamente niente. Inoltre ha svelato anche qualche altro dettaglio: «La mattina dell’esame mi alzai tranquillo, bevvi un caffé e comprai la Gazzetta dello Sport: arrivai a scuola pimpante con la Gazzetta dello Sport e decisi che me la dovevo godere. Rilassatevi, quindi, perché ve la ricorderete per sempre».

Matteo Salvini ha frequentato il liceo classico Alessandro Manzoni di Milano, una delle scuole più famose in città.