Lanzalone cena Casaleggio
|

Lanzalone, 8 ore prima dell’arresto, era a cena con Davide Casaleggio: sul tavolo le nomine nel governo?

C’è un gioco di incastri che, alla luce di quanto è successo dopo, suona come inquietante. Luca Lanzalone, il numero uno di Acea, plenipotenziario del Movimento 5 Stelle per il comune di Roma, è stato a cena con Davide Casaleggio circa 8 ore prima degli arresti domiciliari. Secondo il Fatto Quotidiano – che ha riportato l’indiscrezione – hanno frequentato un ristorante in corso Vittorio Emanuele poco distante dal Senato: è qui che Casaleggio ama pranzare quando è di stanza a Roma.

LEGGI ANCHE > La solitudine di Virginia Raggi «tradita un’altra volta» dai vertici M5S sullo Stadio della Roma

Lanzalone cena Casaleggio prima di essere arrestato

Probabile che sul piatto, tra una portata e l’altra, ci siano stati anche i discorsi delicati sui pesi e contrappesi per le nomine nella squadra di governo. Luca Lanzalone, infatti, è stato cuore delle trattative anche a livello dell’esecutivo, mediando con la Lega sulle cariche. Una figura centrale, molto vicina ai vertici della Casaleggio e, di conseguenza, del Movimento 5 Stelle.

Questa cena potrebbe gettare una ulteriore ombra su quanto accaduto, sottolineando ancor più da vicino come la questione dello Stadio della Roma, con tanto di legami tra Lanzalone e Luca Parnasi, non sia semplicemente una storia locale, di quelle liquidate in questo modo dai vertici pentastellati. La vicenda giudiziaria che sta colpendo Lanzalone è direttamente legata al Movimento 5 Stelle.

Lanzalone cena Casaleggio, il suo ruolo all’interno del Movimento 5 Stelle

Lanzalone, infatti, sarebbe stato uno dei principali autori del nuovo statuto del Movimento, avrebbe frequentato assiduamente le stanze della Casaleggio, sarebbe il filo conduttore del nuovo corso del partito fondato da Beppe Grillo. La sua caduta – sottolinea il Fatto Quotidiano – sancisce definitivamente la perdita di innocenza del Movimento 5 Stelle. Una nuova prospettiva che il Luigi Di Maio pronto a prendere le distanze da tutto («Chi ha sbagliato paghi») deve per forza di cose mettere in conto.