«Il contratto di governo M5S-Lega è stato copiato da CasaPound»

di Redazione | 23/05/2018

militante CasaPound aggredito

Continua il flirt di CasaPound Italia con il nascente governo M5S-Lega. Simone Di Stefano, dopo aver mostrato apprezzamenti per l’intesa che sta per configurarsi alla guida dell’esecutivo, ha anche insistito su alcuni aspetti relativi al contratto di governo firmato da Luigi Di Maio e da Matteo Salvini. Secondo il leader dei fascisti del terzo millennio, alcuni punti del programma M5S-Lega sono stati copiati pari pari da CasaPound.

LEGGI ANCHE > CasaPound «guarda con simpatia» un governo M5S-Lega

Programma governo CasaPound, la rivendicazione di Di Stefano

«Ci sono dei punti che hanno copiato a CasaPound – ha dichiarato Di Stefano a Radio Cusano Campus -. Come quello legato alla banca pubblica d’investimento, che vogliamo da 10 anni, da prima che nascesse il Movimento Cinque Stelle».

Il leader del movimento della tartaruga non sembra avere dubbi e ha parole al miele per questa possibile intesa di governo, in attesa dell’incarico che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella andrà a conferire, con ogni probabilità, a Giuseppe Conte.

Programma governo CasaPound, Di Stefano dice che Lega-M5S possono sfasciare l’Europa

«Meglio questo governo di tutto il resto – ha affermato Di Stefano -. Questo governo se realizza ciò che ha promesso, può sfasciare davvero i rapporti con l’Unione Europea». Parole che sanno di sfida aperta alle istituzioni. Con questo appoggio, CasaPound si offre come interlocutore extraparlamentare dell’esecutivo, con uno sguardo alle prossime elezioni.

Tuttavia, Di Stefano mostra di avere dei dubbi sulla leadership della coalizione. «Sarebbe molto meglio Salvini rispetto a Di Maio. Serve qualcuno che si possa prendere delle responsabilità forti contro gli organismi internazionali che stanno combattendo da due settimane contro questo governo. Certo, anche al ministero degli Interni, Salvini potrebbe fare cose importanti dal punto di vista dell’ordine e della sicurezza e del respingimento degli immigrati».

TAG: Casapound