Rocco Casalino
|

L’imbarazzante ironia di Libero sulle vecchie foto di Rocco Casalino

Rocco Casalino sta partecipando al confronto programmatico tra Movimento 5 Stelle e Lega per definire il cosiddetto contratto di governo, alla base dell’alleanza che dovrebbe portare all’avvio di un nuovo esecutivo. Il capo della comunicazione del M5S ha un passato piuttosto noto nel mondo dello spettacolo, oggetto di notevole curiosità.

Le vecchie foto di Rocco Casalino che si depila le ascelle prese in giro da Libero

Il fatto che un concorrente della prima edizione del Grande Fratello, la più seguita di sempre, rimasto personaggio televisivo minore per alcuni anni prima di diventare giornalista, sia diventato uno degli uomini chiave della politica italiana genera molta attenzione, spesso morbosa ed eccessiva. Un esempio di questa curiosità fuoriluogo è rappresentato dalla pubblicazione su Dipiù di un vecchio servizio in cui Rocco Casalino si depilava le ascelle. Le foto sono state pubblicate per la prima volta nel 2004 sulla rivista di Sandro Mayer. Le immagini di Casalino che si depila le ascelle sono tornate su Dipiù di questa settimana grazie all’esplosione del Movimento 5 Stelle, successo elettorale a cui il capo della comunicazione dei Cinque Stelle ha dato un contributo significativo.

 

LEGGI ANCHE > GOVERNO M5S-LEGA, PRIMA BOZZA DEL CONTRATTO. SALVINI: «C’È ACCORDO SUI PUNTI CHIAVE»

L’abilità del M5s nel dettare l’agenda politica così come l’esplosione mediatica, in particolare televisiva, di alcuni esponenti pentastellati come Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista dipende anche dal gran lavoro di Rocco Casalino. Non c’è davvero niente di male nell’aver tentato la via dello spettacolo, una professione come tutte le altre, e l’ironia con cui Libero ha ripreso il servizio di Dipiù appare quella sì imbarazzante.

Rocco Casalino

Casalino deve essere giudicato per come fa il suo lavoro ora, non certo per immagini di quasi quindici anni fa. E visto che il leader che ha ottenuto di gran lunga più voti in Italia lo porta anche nei tavoli per le trattative di governo è perché fa molto bene il suo mestiere di capo della comunicazione del Movimento 5 Stelle.