La principessa Victoria di Svezia molestata da intellettuale vicino all’Accademia del Nobel

di Redazione | 30/04/2018

principessa Svezia molestata

Palpeggiata e molestata da un membro vicinissimo all’accademia del Nobel, l’istituzione culturale più famosa al mondo. La vicenda fa ancora più rumore, dal momento che la donna che è stata al centro di queste attenzioni morbose è la principessa ereditaria di Svezia, l’amatissima Victoria. I fatti risalgono al 2006: l’uomo nel mirino delle accuse è Jean-Claude Arnault, fotografo e intellettuale, compagno della poetessa Katarina Frostenson. Quest’ultima è membro dell’accademia del Nobel, ma Arnault ha una potentissima influenza sull’associazione che assegna il prestigioso riconoscimento.

LEGGI ANCHE > Alla consegna del Nobel non c’è Bob Dylan, al suo posto Patty Smith

Principessa Svezia molestata, i fatti

Secondo quanto riportato da Svenska Dagbladet, quotidiano svedese che cita tre testimoni, l’uomo sarebbe stato visto quando nel 2006 palpeggiò vistosamente la principessa Victoria, prima di essere allontanato da una sua assistente che, in quella occasione, usò anche la forza. Nessun commento, per il momento, arriva dalla casa reale di Svezia, ma Jean-Claude Arnault è già tristemente noto per i suoi comportamenti.

Subito dopo la nascita del movimento di protesta #MeToo, che si scagliò con forza contro le molestie messe in atto dal produttore cinematografico Harvey Weinstein, diciotto donne accusarono il fotografo Arnault di averle molestate o violentate tra il 1996 e il 2017. Ora, spunta anche il nome illustre della principessa di Svezia che, fino a questo momento, non ha voluto esprimersi pubblicamente.

Principessa Svezia molestata: il precedente di Arnault

Gli esperti della casata reale scandinava, tuttavia, hanno affermato che un no-comment, in queste circostanze, equivale di fatto a una ammissione della situazione così come è stata raccontata dai tabloid. Su Arnault – su cui già pesava l’accusa delle altre donne – si abbatte anche quest’altro macigno mediatico. Bisognerà capire se la moglie Frostenson, questa volta, deciderà di dimettersi: quando il compagno, infatti, è stato raggiunto dalle accuse delle 18 donne molestate rifiutò di allontanarsi dall’Accademia del Nobel, provocando sdegno e contrarietà all’interno dell’istituzione.

Probabile che il coinvolgimento in questa vicenda della principessa Victoria causerà una sorta di sommossa popolare in Svezia: la futura regina, infatti, è molto amata. E se in passato gli svedesi sono stati disposti a chiudere un occhio sui ripetuti scandali dell’Accademia, questa volta la goccia potrebbe far traboccare il vaso. Un nuovo terremoto dopo quello della corruzione indiretta per vantaggi ottenuti per un’istituzione culturale privata come Forum e che mette a rischio l’assegnazione del premio Nobel per la letteratura.