muccia
|

Ecco come appare una cucina dentro una casetta post terremoto

La foto sta girando di social in social. La scatta Riccardo Pompei, residente a Muccia (comune che stamane si è svegliato con una scossa da 4.6). La cucina nella sua Sae (Soluzione abitativa in emergenza) è parzialmente crollata. I pensili non hanno retto la scossa. Evidentemente non montati nel migliore dei modi.

LEGGI ANCHE > SCOSSA DI TERREMOTO DI MAGNITUDO 4.6 NELLE MARCHE, NUOVI SFOLLATI A PIEVE TORINA

Nella lunga sequela di commenti interviene anche la dipendente di un mobilificio che ha seguito questa tipologia di abitazioni. «Noi siamo tra quelli che hanno curato parte del montaggio delle casette – spiega – non di questa zona ma di una non molto distante. Che dire, bisogna fare il montaggio con cura ed usare sistemi di fissaggio adatti al carton gesso. Oltretutto ancorare la barra reggipensili alla fascia che è stata inglobata nella parete .Ma c’è questa fascia? Da noi l’ abbiamo trovata ma non credo ci sia in tutte (le Sae ndr)».

Come spiega anche il Corriere, che riporta le lamentele di diversi cittadini, le Sae costano 1070 euro al metro quadrato,con moduli di 40-60-80 euro al metro quadrato. Per però renderle stabili nelle zone terremotate i costi sono lievitati fino a 6 – 7mila euro al metro quadro.