Clemente Mastella a Radio Cusano: “Io e mia moglie siamo gli Underwood della politica italiana”

di Redazione | 12/03/2018

Mastella

Il sindaco di Benevento Clemente Mastella ha commentato a modo suo le elezioni del 4 marzo. In un intervento di questa mattina a Radio Cusano Campus, l’ex senatore Udeur ha parlato dell’elezione di sua moglie Sandra Lonardo nelle fila di Forza Italia: “Mia moglie è stata eletta con Forza Italia al Senato, noi Mastella siamo un po’ gli Underwood della politica italiana. Mi piace questa definizione tutto sommato. I Mastella resistono nella Prima, nella Seconda, nella Terza e nella Quarta Repubblica“. Il riferimento  alla sopravvivenza in tutte le legislature è un chiaro riferimento alle parole del capo politico del M5S Luigi Di Mario, che aveva sancito l’inizio di una nuova era politica, quella dei cittadini.

LEGGI ANCHE > Movimento 5 Stelle, trionfo a metà. Per Luigi Di Maio l’incarico è difficile

Mastella, protagonista nel 2008 della caduta del governo Prodi, ha parlato anche del poco edificante risultato del Pd di Matteo Renzi, lasciando aperto uno spiraglio per una futura ripresa: “La crisi del centrosinistra non è italiana, ma riguarda tutta la sinistra europea. Guardate quanto accaduto in Francia. Dopo cinque anni di presidenza socialista la sinistra è arrivata al cinque percento. Renzi per certi versi ha fatto un miracolo mantenendo il Pd al 19%. La gente non ce la fa a tirare avanti, la gente esplode in maniera logica ma anche un po’ irrazionale. La sinistra non sa più quale linguaggio applicare per rivolgersi alle persone. Il Pd al 19% rimane il più forte partito di sinistra in Europa“.

In ultima analisi, Mastella ha anche parlato del voto del sud, che si è sentito abbandonato e impossibilitato a garantire un futuro per i suoi giovani. Il reddito di cittadinanza non è stato il solo fattore di successo per il Movimento, anche se ha influito sul risultato finale.

Dopo oltre vent’anni di politica attiva, i Mastella non intendono lasciare la partita. Vedendo i risultati del 4 marzo, hanno ragione loro.

(Credits foto: Ansa)