Screenshot Instagram
|

Allarme screenshot: fotografi le stories di un amico? Instagram gli invierà una notifica

Ora è ufficiale. Se effettui più di uno screenshot alle Instagram Stories di un tuo amico, quest’ultimo riceverà una notifica che gli svelerà quello che stai facendo. Si tratta di un nuovo upgrade dell’applicazione, sia sul sistema operativo iOS, sia su Android (a breve). Così, possiamo dire ufficialmente addio allo «spionaggio» sui social network; se state cercando di spettegolare alle spalle di un vostro amico, riportando la sua attività Instagram più volatile (quella che si esaurisce cioè in 24 ore), rassegnatevi: lui lo saprà.

LEGGI ANCHE > Come nascondere l’ultimo accesso su Instagram

SCREENSHOT INSTAGRAM, ALLARME NOTIFICA

Ma tecnicamente come può essere possibile questa cosa? Se dovete prendervela con qualcuno, prima di tutto puntate il dito contro i sistemi operativi e i loro gestori (quindi Apple e Google): sono stati loro a vendere a Instagram la possibilità di acquisire i metadati degli utenti che effettuano gli screenshot. È così che lo spione diventa spiato. Forse, però, il primo caso è meno grave del secondo. Non trovate che sia meno invadente un vostro amico che invia uno screenshot di una vostra colazione mattutina di una grande multinazionale che tiene sotto controllo i vostri dati e che è libera di venderli a chiunque in qualsiasi momento?

SCREENSHOT INSTAGRAM, COME AGGIRARE LE NOTIFICHE?

In ogni caso, comunque, ci sono dei metodi utili per aggirare l’inconveniente e che possono far felice il più incallito «stalker» (utilizzato nel senso non letterale del termine!) dei vostri account social. Il primo, piuttosto grossolano, è quello di fare una fotografia – ovviamente con un altro smartphone o dispositivo – alla story che volete immortalare: nessuno saprà niente.

Inoltre, a quanto pare, è ancora possibile effettuare questa operazione dal desktop del pc: in questo caso, infatti, Instagram – per la ragione di cui abbiamo parlato prima – non ha ancora accesso ai metadati in questione. Insomma, fatta la legge trovato l’inganno. Anche se tutto questo resta comunque inquietante.

TAG: Instagram