La politica estera di CasaPound e la possibile annessione della Libia: «Facciamo un protettorato in Tripolitania»

di Gianmichele Laino | 19/01/2018

casapound libia

Pensate che la politica estera di CasaPound si fermi all’uscita unilaterale dall’euro e alla meravigliosa alleanza con la Russia di Vladimir Putin? Niente affatto. Ci sono delle proposte ben più ampie, che mettono sul tavolo disegni espansionistici e nostalgici. Peccato che, nella migliore delle ipotesi risalgano a un secolo fa. Mentre, nella peggiore, si rifanno espressamente al colonialismo di mussoliniana memoria.

LEGGI ANCHE > I militanti di CasaPound fanno danni? Paga papà

CASAPOUND LIBIA, LA POSIZIONE DI DI STEFANO

Così, Simone Di Stefano – leader di CasaPound Italia – prepara la sua ricetta sulle relazioni internazionali in un ipotetico governo del movimento della tartaruga. Qualcuno gli chiede – via social network – se, allo stato attuale delle cose, CasaPound abbia un piano per riconquistare la Libia e l’Etiopia «per garantirsi materie prime e autosufficienza».

La risposta di Di Stefano non lascia spazio a interpretazioni. «Sì. Si tratta di tutelare in armi ENI ovunque si trovi. Sulla Libia siamo stati chiari da sempre, non può esistere un “non Stato” sulla porta di casa». Eppure, al simpatizzante del movimento, questa replica «diplomatica» ancora non basta. Gli chiede di essere più esplicito: «Tra le tue intenzioni – incalza – c’è quella di proporre un’annessione della Libia, facendola diventare di fatto una regione italiana (ovviamente con la dignità che si deve ad una regione) oppure pensi ad una struttura confederativa modello Federazione Russa?».

CASAPOUND LIBIA, UN PROTETTORATO DELLA TRIPOLITANIA

Lo «statista» Di Stefano prende tempo e dichiara che, al momento, è ancora prematuro parlarne. Ma nel frattempo, fotografa la situazione attuale e afferma senza timore: «Il da farsi sarà valutato in base alla situazione che si troverà al momento. Se dovessi dirti ad oggi: un protettorato sulla Tripolitania, in accordo con la Russia e quindi con il benestare di Tobruk e dell’Egitto di Al Sisi».

CASAPOUND LIBIA, QUALCUNO VORREBBE DI PIÙ

La soluzione proposta da Di Stefano, dunque, è un protettorato in Tripolitania. Ovvero una forma di tutela politica e militare su uno Stato, che può essere esercitata non soltanto nelle relazioni internazionali, ma anche su questioni di politica interna. Insomma, la tipica forma di colonialismo che si utilizzava nell’ultima parte dell’Ottocento e a inizio Novecento. Del resto, per un certo tipo di politica sovranista, la Libia ha sempre avuto un certo fascino. Nonostante il conclamato fallimento del colonialismo italiano, i crimini di guerra perpetrati nella regione e le perdite umane subite nell’area. Ma i fascisti del terzo millennio spingono forte su questo. Prima, queste decisioni «strategiche» venivano prese nelle segrete stanze di Palazzo Venezia, oggi si usa Twitter. L’unica differenza sta tutta qui.

«Io sono dell’idea che se missione libica deve essere totale, cioè ce la dobbiamo prendere tutta» – propone un altro utente a Di Stefano. Che saggiamente risponde: «Un passo alla volta»