scritta dux
|

Con la prima neve ricompare la scritta “dux” sul Monte Giano | GALLERY

Dopo l’incendio dello scorso agosto, è bastata la prima nevicata per far tornare nitida e ben leggibile la scritta “dux” sul Monte Giano, nel Reatino. A documentarlo le foto postate dagli utenti su Instagram. Fino a qualche giorno fa la scritta si distingueva, ma non chiaramente come nel passato: gran parte della lettera “u” (scritta “V” alla latina) e della lettera “x” erano andate in fiamme, quindi apparivano marroni, anziché verdi. La parola è ricavata infatti da pini secolari, tagliati in modo particolare dalla Scuola Allievi Guardie Forestali di Cittaducale nel 1939.

SU INSTAGRAM LE IMMAGINI DELLA SCRITTA “DUX” PRIMA E DOPO LA NEVICATA

L’INCENDIO CHE HA DISTRUTTO LA SCRITTA “DUX” SUL MONTE GIANO

Dopo quasi un secolo, a fino agosto, da un pentolone usato per bollire i pomodori è partito un incendio. Le fiamme hanno investito prima la lettera “u” e nei giorni successivi si sono sviluppati altri focolari, che hanno interessato l’intera scritta. A causa del banale incidente domestico, sono andati a fuoco circa 20mila pini. Oltre al devastante danno ambientale, molti nostalgici hanno sottolineato anche la perdita di un’opera fascista, che – a modo suo – era un monumento. La questione ha creato un grande dibattito sui social network, con il sindaco del comune di Antrodoco (quello in cui risiede la piegata) Alberto Guerrieri che su Facebook ha puntato il dito contro la carenza di mezzi e l’inadeguatezza dei sistemi di soccorso.

LA SCRITTA “DUX” RICOMPARE CON LA PRIMA NEVICATA

L’incendio che ha devastato la scritta “dux” sul Monte Giano ha colpito anche i militanti di CasaPound, che ha lanciato un appello – “La storia non si cancella” – per ripiantare i pini. Ora saranno felici di sapere che, anche se molti alberi sono bruciati, la neve crea comunque un contrasto cromatico che rende ben visibile anche quest’anno la scritta “dux”.

 

Foto copertina: da Instagram