canile muratella
|

Cosa sta succedendo al canile della Muratella a Roma | VIDEO

Stamane l’azienda assegnataria, la campana Rifugio Agro Aversano, si è presentata al canile della Muratella, accompagnata da agenti e dal personale del dipartimento Ambiente del Comune di Roma. La società è assegnataria del bando del comune di Roma. Il blitz è stato fatto per prendere possesso della struttura che ospita 600 cani. Sulla pagina Facebook “Io me ne occupo” gli ex lavoratori hanno lanciato l’allarme sullo sgombero:

“Ci stanno cacciando. Questa mattina il nuovo gestore dei canili comunali, insieme alla questura e al comune di Roma, ci hanno intimato di lasciare il canile. Questa è la democrazia a 5stelle. Questa è la trasparenza e la partecipazione, cacciare i lavoratori”

Cosa sta succedendo a Muratella? Ieri c’è stato un incontro per cercare di riassorbire nella nuova gestione i dipendenti dei canili comunali. Purtroppo però – secondo quanto riporta Roma Today – saranno solo 30 i lavoratori riassorbiti su una ottantina impiegati in precedenza. Non solo. Sono iniziati i nuovi colloqui per le assunzioni, fatti secondo i sindacati, in barba ad ogni norma sindacale. Ma perché questa lotta? Sindacati e lavoratori criticano il bando che è stato assegnato quest’anno con un pesante taglio. Dai 4 milioni e mezzo usati per i canili romani si passa a un budget di gestione di un milione e mezzo.

 

LEGGI ANCHE > L’accordo Atac che cancella tutta l’austerity dell’era Marino

 

Durante il blitz i lavoratori, dall’account Lavorator* Canile RM hanno denunciato le condizioni degli animali.

«Da questa mattina alle 7,30 circa, forze di Polizia, rappresentanti comunali e della società campana Rifugio Agro aversano sono entrati nel canile della Muratella con l’intento di affidare la gestione a quella società». Lo denuncia a Labitalia Giuseppe Villirillo, presidente di Avcpp onlus no profit nata nel 1994 che ha gestito per molti anni i canili comunali di Roma. «Sappiamo che la società vincitrice del bando di gara del Comune, la Rifugio Agro aversano appunto, sta facendo i colloqui ai lavoratori che sono rimasti. Ma, certo, entrare così con la forza non porterà del bene a nessuno, nè agli animali nè agli operatori», osserva Villirillo. Dal 1° maggio 2016 circa 60 addetti hanno lavorato a titolo gratuito per permettere la continuità della gestione degli animali. «Noi ora non possiamo entrare -conclude Villirillo- nè è stato comunicato cosa ha intenzione di fare la società che si sta insediando. Naturalmente, siamo molto preoccupati».

CANILE MURATELLA: IL TAVOLO 5 STELLE CHE SE LA PRENDE CON LA RAGGI

Gli attivisti del Tavolo Tutela Animali del Movimento 5 Stelle di Roma, «con profondo dolore e rammarico, hanno appreso quanto sta avvenendo in queste ore nel canile comunale di Muratella, affidato alla Rifugio Agro Aversano Srl, risultata vincitrice del bando pubblicato ad aprile 2016 sotto la gestione del Commissario Straordinario Francesco Paolo Tronca, nonostante le criticità, non ancora chiarite, emerse nella gestione del Rifugio municipale di Salerno ‘Monte Eboli’». Lo afferma sulla pagina Facebook lo stesso Tavolo che, commentando quanto accaduto questa mattina al Canile di Muratella ricorda di essersi «strenuamente battuti per la ricerca di una soluzione che tenesse conto di tutte le parti in causa e, SOPRATTUTTO, della salute e vita degli animali». «Viviamo quanto accade stamattina – si legge ancora su Facebook – in primis come una nostra sconfitta. Ci dissociamo con forza dalle decisioni del Sindaco Virginia Raggi e della Giunta Capitolina che hanno dimostrato scarsa apertura e collaborazione, tradendo ed ignorando i principi fondanti che animano il Movimento 5 Stelle. Faremo quanto in nostro potere per vigilare attentamente e costantemente sulla vita ed il benessere degli animali».

Ecco qui invece la nota del Comune di Roma

Nel corso della mattinata di oggi il Direttore del Dipartimento Tutela Ambientale, Pasquale Libero Pelusi, e il Direttore della Direzione Tutela e Benessere degli animali, Rosalba Matassa, hanno
effettuato la formale consegna dei canili comunali alla ‘Società Rifugio Agro Aversano’. La società, aggiudicataria del bando, indetto dalla gestione commissariale di Francesco Paolo Tronca, è risultata vincitrice a seguito di una procedura pubblica e pertanto da oggi ha assunto la gestione dei canili comunali di Muratella e Ponte Marconi, tutto nell’assoluto rispetto
della normativa”. Così dichiarano in una nota la sindaca di Roma Virginia Raggi, l’Assessora alla Sostenibilità ambientale di Roma Capitale Pinuccia Montanari e il presidente della Commissione capitolina Ambiente Daniele Diaco. L’obiettivo dell’amministrazione “è quello di assicurare la legalità a 360 gradi, prestando la totale attenzione al benessere animale e, nei limiti della normativa, alla dimensione pubblica e occupazionale. In questa fase di transizione, particolare attenzione è posta sui gatti presenti nel canile di Muratella. La struttura, deputata a fungere esclusivamente da canile sanitario e da rifugio nonché da gattile sanitario, rimarrà tale e i servizi saranno erogati dal nuovo gestore. Sempre nel rispetto della normativa vigente e dell’interesse del benessere e della tutela dei gatti già stabilizzati, quindi da destinare al gattile rifugio, saranno trasferiti presso strutture idonee che assicureranno, oltre alla prosecuzione delle cure, anche un habitat migliore”.

 

“Nel complesso, per garantire tutti questi elementi verrà messo in campo un
presidio comunale permanente che monitorerà l’attuale fase di transizione”,
concludono.