L’anziana morta dissanguata dopo il graffio di una gatta

di Redazione | 22/10/2018

graffio
  • Un'anziana è morta dissanguata per il graffio di una gatta

  • È accaduto in provincia di Livorno

  • La donna aveva 88 anni

Sembra una vicenda surreale ma non lo è affatto. Una donna anziana di Vada, una frazione del comune di Rosignano Marittimo, in provincia di Livorno, è morta dissanguata dopo essere stata graffiata dalla gatta dei vicini. È accaduto la scorsa settimana, precisamente lunedì 15 ottobre, in mattinata. Silvana Masotti, 88 anni, è stata trovata seduta, senza vita, su una poltroncina ai margini del giardino di casa, con intorno molto sangue, compresa una lunga scia rossa dalla casa di una coppia che vive al piano terra della villetta. A raccontarlo è stato il quotidiano Il Tirreno (articolo di Anna Cecchini).

Livorno, anziana di 88 anni morta dissanguata per il graffio di una gatta

I soccorritori hanno notato sulla gamba destra della donna, sotto il ginocchio, una ferita da cui ancora sgorgava un po’ di sangue: non era una lesione profonda, ma l’artigliata di un gatto che in un preciso dev’essere stata un po’ più profonda. Il graffio si è rivelato letale perché l’anziana assumeva farmaci fluidificanti, in grado di rallentare la coagulazione. A graffiare sarebbe stata Fufetta, la gatta degli amici del piano terra. Al Tirreno uno dei figli della 88enne, Enrico Valori, incredulo ha commentato: «Un fatto incredibile. Mia mamma conosceva bene questa gatta, ci giocava sempre. Un animale buono e affettuoso. Sono più di dieci anni che mia madre l’aveva intorno, la faceva uscire dall’appartamento degli amici al piano terra quando loro restavano fuori a lungo». La padrona di casa è certa che Silvana sia stata graffiata sulla soglia della camera da letto. «Proprio al limite tra salotto e camera c’era la prima chiazza di sangue, e poi una scia fino alla porta di ingresso. Non riesco a togliermi queste immagini dalla testa», ha dichiarato.

(Immagine di copertina generica di gatti da archivio Ansa. Foto di Giovanni Franco)

TAG: Livorno