Il candidato leghista in Calabria parla di ‘complotto’ contro di lui per la diffusione del suo video a mo’ di Scarface

di Enzo Boldi | 12/01/2020

Alfio Baffa

Fare un passo indietro: no. Passare al contrattacco: sì. Alfio Baffa, candidato della Lega in Calabria (con le elezioni regionali in programma il prossimo 26 gennaio), parla di un complotto dietro a quel video che lo immortala sdraiato nella sua vasca idromassaggio fumando un sigaro. Una scena che ricorda molto da vicino quella di Scarface, con Tony Montana ripreso nel compiere gesti molto simili. Secondo l’imprenditore, ora candidato con il Carroccio, quel filmato è diventato virale solamente ora perché il suo nome si è legato alla Lega.

LEGGI ANCHE > Il candidato della Lega in Calabria che, dalla vasca da bagno, manda i saluti al gruppo ‘revenge porn’

Quel filmato è stato inviato dallo stesso Alfio Baffa in una chat Whatsapp – condivisa con alcuni suoi amici – dal titolo ‘Revenge Porn’. Il candidato leghista in Calabria ha provato a spiegare come quel nome fosse stato scelto dagli amministratori del gruppo perché creato mentre in Parlamento di parlava, trattava e votava una legge sulla violenza psicologica delle condivisioni di video privati (a sfondo sessuale) sui social o sul web. Oggi, però, la sua difesa e il suo attacco passano dalle pagine del quotidiano Il Mattino.

Alfio Baffa e il complotto del video nella vasca

«Qualche stronzo ha fatto circolare il video: sicuramente è stato qualche nemico interno – ha detto Alfio Baffa a Il Mattino -. Ma si può giudicare un uomo politico da un video? Stava lì da tre mesi ed era circolato anche dalle mie parti. Senza che fosse accaduto nulla. Ora che sono candidato e mancano pochi giorni alle elezioni regionali, guarda caso è uscito di nuovo». Insomma, un vero e proprio complotto tramato alle sue spalle per fargli perdere consensi in vista del voto del 26 gennaio in Calabria.

La gente che ora lo voterà

Ma lui è certo che tutto questo non farà altro che portargli fama e voti: «Ci tengo a difendermi, perché sono alla prima esperienza di candidatura al Consiglio regionale e non ho mai fatto nulla di male – ha proseguito nella sua intervista a Il Mattino -. La gente che prima non mi votava, ora mi voterà: ha capito che ho subito una cattiveria personale e si è posizionata al mio fianco».

(foto di copertina: da video di Alfio Baffa)

TAG: Calabria, Lega