Alex Zanardi sottoposto a operazione di ricostruzione cranio-facciale

06/07/2020 di Ilaria Roncone

Alex Zanardi ha subito un nuovo intervento, stavolta per rimediare ai danni di cranio e viso. L’operazione è avvenuta lo scorso sabato ma solo ora si è appreso. Il ciclista e campione è stato sotto i ferri per cinque ore, operato da una squadra di medici capitanata da Paolo Gennaro primario, di chirurgia maxillo-facciale. L’operazione è avvenuta dove Zanardi è ricoverato, al policlinico Le Scotte di Siena.

LEGGI ANCHE >>> La seconda operazione al cervello per Alex Zanardi

Operazione cranio-facciale dopo quella al cervello

Dopo la seconda operazione al cervello dello scorso 29 giugno Alex Zanardi è stato nuovamente portato in sala operatoria per poi essere nuovamente riportato in coma farmacologico presso presso il reparto terapia intensiva. L’intervento è stato fatto per andare a stabilizzare ulteriormente la complicata situazione del campione, che in prognosi riservata. L’esito del nuovo intervento è stato positivo ma per avere ulteriori miglioramenti e notizie certe sul fatto che starà bene occorrerà aspettare ancora del tempo. Bisogna infatti valutare appieno gli effetti delle operazioni fatte prima di potersi pronunciare.

L’incidente di Zanardi lo scorso 19 giugno

Sono ormai trascorse più di due settimane dall’incidente che ha costretto Alex Zanardi in un letto di ospedale dopo la sua incredibile vita. Era il 19 giugno, ore 16.50, quando Zanardi ha preso il controllo della sua hanbike andando a sbattere con il volto contro un camion che arrivata dalla corsia opposta sulla statale che collega Pienza a San Quirico D’Orcia. Gravissimi i danni riportati dal campione nonostante l’immediato ricovero e l’operazione d’urgenza del neurochirurgo Giuseppe Oliveri. Arriva poi una seconda operazione per via dei risultati di una tac, la quale aveva evidenziato la necessità di procedere con un ulteriore intervento chirurgico al cervello. Arriva sabato scorso la terza operazione, anche questa che non risulta risolutiva ma che contribuisce a stabilizzare il paziente secondo le sue condizioni. La direzione sanitaria ospedaliera parla di «Le sue condizioni rimangono stabili dal punto di vista cardio-respiratorio e metabolico, gravi dal punto di vista neurologico, la prognosi rimane riservata».

(Foto copertina dal profilo Instagram del figlio di Alex Zanardi)

Share this article