Il concerto nazi-fascista ad Albissola con saluti romani e grida: «Le SS non erano criminali»

di Enzo Boldi | 18/02/2020

Albissola
  • L'episodio risale al 26 febbraio e c'era anche un video della serata pubblicato su Internet

  • Il concerto nazi-fascista è stato ospitato da un Pub di Albissola Marina, in provincia di Savona

  • Dai saluti romani all'esaltazione del "lavoro" delle SS

L’episodio risale a domenica 26 gennaio, qualche settimana fa. Ma la data sembra esser quasi simbolica, dato che si trattava della vigilia del Giorno della Memoria per le vittime della Shoah. E proprio in quella data ad Albissola Marina, piccolo comune della Liguria in provincia di Savona, è andato in scena un concerto in cui a farla da padrona non è stata la musica, ma le parole e i gesti. Come i saluti romani con cui si è conclusa la serata e i cori che inneggiavano al ‘lavoro’ delle SS negli anni precedenti e durante la seconda guerra mondiale. Il tutto era stato condiviso anche su Internet, prima che venisse rimosso.

LEGGI ANCHE > Il fervente suprematista di Bergamo che, dopo l’arresto, si è accorto di non esser convinto dei messaggi che condivideva

A denunciare l’accaduto è stata una pagina social, Villalba Antifascista e Antirazzista, di un’associazione nata in uno dei quartieri di Savona dove ha sede anche la sede provinciale degli estremisti di destra di CasaPound. E ci sono anche le immagini immortalate da un video che, fino alla tarda serata di ieri, era online su Youtube. Ora, dopo che la notizia è diventata di dominio pubblico, quel filmato non risulta essere più disponibile sulla piattaforma.

Albissola e il concerto nazi-fascista

E se ai saluti romani siamo, oramai, tristemente e desolatamente abituati, quel che accade nel resto della serata all’interno del Pub Birreria di Albissola Marina è aberrante. Il presentatore del concerto del gruppo Feanor che si è esibito live nel locale, ha infatti parlato anche delle SS – le Schutzstaffel, l’organizzazione paramilitare agli ordine del regime nazista di Adolf Hitler – in questo modo: «Soldati che hanno sacrificato la loro vita per un’idea di Europa, la stessa Europa in cui crediamo noi finita quel giorno a Berlino». Definendoli non criminali.

L’esaltazione delle SS e il saluto romano

Un vero e proprio inneggio a un ‘lavoro’ macchiato con il sangue degli innocenti per portare avanti una folle politica sociale (e non solo) basata sulla superiorità di una razza sull’altra. O di una religione. E Albissola Marina è stato il teatro di questa scempia esaltazione su cui la magistratura, adesso, dovrà effettuare tutte le indagini del caso.

(foto di copertina: da profilo Facebook Villapiana Antifascista e Antirazzista)