Tragedia a Pisa, scoppia airbag dopo un tamponamento: muore un neonato di due mesi

di Enzo Boldi | 17/02/2020

Airbag

Oggi avrebbe compiuto i suoi primi due mesi di vita, ma un banale tamponamento ha provocato la sua morte. La tragedia è avvenuta domenica pomeriggio a Pisa, mentre il piccolo stava viaggiando in auto in compagnia della mamma, del papà e del fratellino. Un banale tamponamento a catena ha provocato lo scoppio degli airbag e il bimbo, che viaggiava nell’ovetto installato sul sedile anteriore del passeggero, è stato ucciso dalle gravi ferite riportare. Questa la ricostruzione delle forze dell’ordine intervenute domenica pomeriggio sul luogo dell’incidente.

LEGGI ANCHE > L’orrenda storia di due mamme toscane, il gip: «Figlie concepite per essere abusate»

Un tamponamento che sembrava essere come tanti, ma la non disattivazione dell’airbag – prevista quando si decide di installare l’ovetto sul sedile anteriore – ha portato alla morte del piccolo che oggi avrebbe compiuto i suoi primi due mesi di vita. Il padre era alla guida dell’automobile coinvolta nello scontro, mentre sui sedili posteriori viaggiavano la madre del piccolo e il suo fratellino, tutti illesi.

Pisa, tamponamento fa scoppiare airbag: muore un bambino di due mesi

Ma lo scoppio dell’airbag – il dispositivo di sicurezza che serve a garantire un impatto limitato in caso di incidente – ha investito l’ovetto che conteneva il neonato provocandogli due gravi traumi: uno toracico e l’altro cranico. A poco è servito l’immediato intervento dei medici e il ricovero in ospedale. Il piccolo si è spento nella tarda serata di domenica a causa delle gravi ferite riportate per quel banale tamponamento.

Le regole sui neonati in automobile

Le regole di installazione degli ovetti nelle automobili impongono la disattivazione del sistema airbag di fronte al sedile scelto per ospitare il neonato. E, in questo caso, sembrerebbe che queste norme siano state disattese. Una disattenzione che avrebbe provocato le gravi ferite e poi la morte del neonato.

(foto di copertina: da Pixabay)

TAG: Pisa