Tre arresti per l’aggressione ai danni dei ragazzi del Cinema America: tutti vicini a movimenti di estrema destra

di Enzo Boldi | 07/10/2019

Aggressione Cinema America
  • I primi provvedimenti a quasi quattro mesi dalle violenze di Trastevere

  • Tre giovani agli arresti domiciliari per l'aggressione Cinema America del 16 giugno scorso

  • Si tratta di ragazzi che fanno parte di movimenti dell'estrema destra romana

Dopo quasi quattro mesi si è arrivati a un primo passo contro i protagonisti dell’aggressione Cinema America del 16 giugno scorso a Trastevere, in pieno centro a Roma. Tre persone, tutte vicine a movimenti dell’estrema e dell’ultra-destra capitolina, sono finite agli arresti domiciliari per quel vergognoso episodio di violenza che non ha giustificazione dietro gli ideali politici. Un atto criminale deliberato e gratuito nei confronti di alcuni ragazzi che, nei pressi di piazza San Cosimato, sono stati colpiti a calci, pugni e testate solamente perché indossavano la maglietta del Piccolo Cinema America.

LEGGI ANCHE > Alessandro Borghi sulle violenze al Cinema America: «Non c’entra la politica, siete solo dei parassiti» | VIDEO

Era lo scorso 16 giugno quando quattro ragazzi stavano concludendo la loro serata dopo aver assistito alla proiezione di un film organizzata proprio dal Piccolo Cinema America. Uno di loro indossava anche la maglietta con scritta e logo dell’associazione e questo, secondo le indagini, avrebbe scatenato la violenza ingiustificata delle tre persone finite questa mattina ai domiciliari per l’aggressione Cinema America.

Aggressione Cinema America, in tre ai domiciliari

La Digos, che ha provveduto agli arresti, ha individuato i responsabili di quella barbara violenza incrociando le immagini delle telecamere di sicurezza della zona. Arrivando, dopo quasi quattro mesi, a dare un volto ufficiale e un’identità alle tre persone che si sarebbero rese protagoniste di questo vile gesto nella notte romana. Utili per l’identificazione sono stati anche i racconti dei testimoni e dei ragazzi rimasti vittime di questa aggressione.

L’adesione al Blocco Studentesco e CasaPound degli arrestati

Come evidenziato già dalle prime ore dopo l’aggressione Cinema America, il movente sarebbe politico. I tre agli arresti domiciliari, infatti, sarebbero tutti giovani appartenenti (o vicini) a movimenti dell’estrema destra capitolina, dal Blocco Studentesco a CasaPound. E la violenza, dunque, sarebbe avvenuta per quell’odio provocato dalla maglietta del Piccolo Cinema America indossato da uno dei quattro ragazzi aggrediti. Il giorno seguente, come ricorda la cronaca, fu aggredita sempre in quella zona anche l’ex fidanzata del presidente dell’associazione.