6 Underground, recensione del film Michael Bay con Ryan Reynolds

di Thomas Cardinali | 11/12/2019

Michael Bay sbarca su Netflix con il suo 6 Underground e si diverte a distruggere Firenze, o meglio le opere d’arte degli Uffizi almeno nella prima spettacolare sequenza del film. La sua regia è ben riconoscibile in questo nuovo action movie in cui le evoluzioni su quattro ruote non hanno nulla da invidiare alla saga di Fast and Furious. I protagonisti sono guidati da Ryan Reynolds, un miliardario che decide di creare un team di “fantasmi” senza più alcun legame col mondo per combattere i dittatori e salvarlo. Sei individui provenienti da tutto il mondo, ognuno il migliore nel proprio campo, sono stati scelti non solo per le loro abilità, ma per il desiderio comune di cancellare il loro passato per cambiare il futuro.

LEGGI ANCHE > Last Christmas, una dolce e pazza Emilia Clarke canta George Micheal

6 Underground, tra fughe e passeggiate ad alta quota

La trama della storia è davvero molto semplice, qualcosa di visto e rivisto, ma funziona. Le gag non sono mai forzate e, nonostante la inverosimilità di certe situazioni il pubblico si ritroverà a tifare per i 6 Underground che renderanno credibile anche il trasformare uno yatch da miliardi di dollari in un enorme magnete o il saltare da un grattacielo all’altro camminando su una gru nello skyline di Hong Kong.

“6 UNDERGROUND” (2019) –
Photo Courtesy of Netflix

6 Underground introduce un nuovo modello di eroe d’azione, un eroe che decide di togliere a se stesso per dare agli altri rischiando tutto come in una sorta di “Robin Hood su quattro ruote”. Il personaggio di Ryan Reynolds colpisce e piace al pubblico perché, come ad esempio accade anche con Tony Stark, riesce ad essere estremamente superficiale e profondo allo stesso tempo. Il ricchissimo cast è completato da Mélanie Laurent, Corey Hawkins, Adria Arjona, Manuel Garcia-Rulfo, Ben Hardy Lior Raz, Payman Maadi e Dave Franco.

Non vi resta dunque che accendere i motori, con il suggerimento di dotarvi di un impianto audio di tutto rispetto, perché questo è un film da puro intrattenimento da sala ma potrete gustarlo sul divano dal 13 dicembre solo su Netflix.

TAG: Netflix