Il quesito del referendum costituzionale 2016: come si vota

QUESITO REFERENDUM COSTITUZIONALE 2016

Quesito referendum costituzionale 2016: come si vota alla consultazione di fine autunno. Il fac-simile della scheda elettorale. Non ci sarà quorum

QUESITO REFERENDUM COSTITUZIONALE 2016

C’è ormai grande attesa per scoprire quale sarà la data del referendum costituzionale 2016, il passaggio cruciale della legislatura. In attesa che il Consiglio dei ministri del 26 settembre decida quando gli italiani saranno chiamati ad esprimersi sul disegno di legge Boschi, la riforma del Senato e del Titolo V già approvata in via definitiva dal Parlamento, è stata diffusa la scheda elettorale che mostra il quesito referendum costituzionale 2016.

QUESITO REFERENDUM COSTITUZIONALE 2016
Il quesito del referendum costituzionale 2016

«Approvate il testo della legge costituzionale concernente “disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del Cnel e la revisione del Titolo V della parte II della Costituzione”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016?»

LEGGI: LO SPECIALE SUL REFERENDUM COSTITUZIONALE 2016

QUESITO REFERENDUM COSTITUZIONALE 2016: COME SI VOTA

A diffondere su Twitter il quesito referendum costituzionale 2016 è stato lo stesso presidente del Consiglio Matteo Renzi, non senza scatenare le polemiche di parte delle opposizioni:

Quesito referendum costituzionale 2016

«Siamo al paradosso. Non abbiamo ancora la data, ma abbiamo il fac-simile della scheda elettorale. Un vero e proprio spot per il sì. Un imbroglio bello e buono», ha attaccato il capogruppo di Forza Italia a Montecitorio, Renato Brunetta.

In realtà, il quesito referendum costituzionale 2016 si conosceva già dallo scorso 8 agosto. Il motivo? Era già contenuto nell’ordinanza con cui la Corte suprema di Cassazione dichiarava conforme e ammetteva la richiesta di referendum:

Quesito referendum costituzionale 2016
Il comunicato stampa con cui la Corte di Cassazione ha validato la richiesta di referendum

Non è un caso che fosse stato pubblicato un fac-simile anche dal comitato “Basta un sì. Una domanda, quella rivolta al corpo elettorale, che riassume i contenuti della riforma (qui lo speciale di Giornalettismo sul referendum, ndr).

IL NODO DELLA DATA: SI DECIDE TRA 27 NOVEMBRE E 4 DICEMBRE

Anche se non c’è ancora la conferma ufficiale, sono ormai rimaste due le date disponibili, secondo i paletti previsti dalle normative: si voterà il 27 novembre o il 4 dicembre. Una volta sciolto il nodo, la campagna elettorale entrerà nel vivo, con i comitati del “” e del “No” già attivi in tutta la penisola. Matteo Renzi ha già annunciato che pure la nuova edizione della Leopolda, la numero 7, sarà organizzata a ridosso del voto. Di fatto, l’ultimo o quasi tentativo del governo di spingere gli indecisi. Decisivi, sondaggi alla mano, per la sorte di un voto a dir poco equilibrato, con i contrari nelle ultime settimane ancora sopra qualche punto percentuale.

COME SI VOTA AL REFERENDUM COSTITUZIONALE

Ma come si voterà sul referendum costituzionale 2016 di fine autunno? Per il referendum confermativo non è previsto alcun quorum: basta la maggioranza dei votanti, non importa quanti elettori si recheranno alle urne.

Gli elettori saranno chiamati a esprimersi su una riforma approvata in doppia lettura alla Camera e al Senato. Le macro aree del disegno di legge Boschi oggetto del referendum sono: superamento del bicameralismo paritario e trasformazione del Senatosoppressione del Cnelrevisione del titolo V della II parte della Costituzione, riforma dell’elezione del presidente della Repubblica e revisione della disciplina dei referendum e delle leggi di iniziativa popolare.

Tag: , ,