Guido Bertolaso
|

Sondaggi a Roma: Raggi e Giachetti avanti, Bertolaso va a picco

Raggi e Giachetti avanti, Meloni non cresce e Bertolaso va a picco

I sondaggi degli ultimi giorni sulle intenzioni di voto alle Elezioni Comunali 2016 a Roma confermano ancora una volta che il centrodestra privo di una candidatura a sindaco unitaria è destinato a subire una sonora sconfitta. L’ultima rilevazione dell’istituto demoscopico napoletano Ipr Marketing, realizzata giovedì 7 aprile e diffusa nello stesso giorno dal Tg3, ha segnalato la candidata del Movimento 5 Stelle Virginia Raggi al 24% dei consensi al primo turno contro il 23% del deputato Pd Roberto Giachetti, il 19% della leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, il 12% del candidato indipendente di centro Alfio Marchini e il deludente 11% di Guido Bertolaso, l’ex capo della Protezione Civile sostenuto da Forza Italia.

Sondaggi Roma 2016
Gli ultimi sondaggi sulle intenzioni di voto al primo turno delle Elezioni Comunali 2016 a Roma (Tabella di: Giornalettismo)

DA NON PERDERE: Elezioni Comunali 2016 Roma

BERTOLASO E FI SEMPRE PIÚ GIÚ

Il confronto con il precedente sondaggio di Ipr sulle intenzioni di voto alle Comunali a Roma, pubblicato il 16 marzo a Porta a Porta, è eloquente. C’è stata un forte calo del consenso di Bertolaso (in precedenza al 15%) che ha favorito una risalita della Meloni (passata dal 15 al 19%) e di Marchini (salito dall’11 al 12%). Per quanto riguarda i due favoriti, invece, il divario sembra essersi ristretto, con la Raggi in calo dal 26% e Giachetti in crescita dal 23. Il quadro è ovviamente ancor più chiaro se si considerano anche i sondaggi realizzati dagli altri istituti demoscopici o siti internet.

RAGGI E GIACHETTI FAVORITI

Raggi viene segnalata in vantaggio su Giachetti in in 7 casi su 8 e tutte le rilevazioni indicano i due candidati favoriti per raggiungere il ballottaggio. La candidata del Movimento 5 Stelle oscilla tra il 22 e il 28%, mentre l’avversario del Pd tra il 21,3 e il 26,6%. La Meloni intanto non supera mai il 20%. E si muovono su percentuali più basse sia il candidato di Sel e Sinistra Italiana Stefano Fassina, che nei sondaggi varia tra il 3,5 e il 9% che Francesco Storace, tra l’1 e il 4,1%. Una svolta potrebbe arrivare dalla rinuncia alla candidatura in extremis di Bertolaso. In quel caso i giochi potrebbero essere riaperti. Con il sostegno di Forza Italia alla Meloni, appoggiata per ora solo dall’ala più radicale della destra italiana, Fdi e Lega Nord, la coalizione potrebbe avvicinarsi o superare M5S e centrosinistra. Secondo l’istituto Demopolis, che tra il 4 e il 6 ha realizzato per il programma di La7 Otto e Mezzo un sondaggio sulle tre principali città chiamate al voto a giugno, nell’ipotesi di un ritiro di Bertolaso la Meloni salirebbe al 23-27% dei consensi superando di poco Giachetti (22-26%) e avvicinandosi alla Raggi (27-31%).

(Foto di copertina: ANSA / FABIO CAMPANA)