Dite addio a Yahoo! Answers

Dal 20 aprile il sito sarà solo in modalità lettura, dal 4 maggio invece sarà completamente down

06/04/2021 di Gianmichele Laino

Chiude un pezzo di storia dell’internet. Ormai è nota la decisione di Yahoo! di chiudere il servizio Yahoo! Answers. Sarà un percorso a tappe, anche se decisamente breve. Dal 20 aprile, infatti, sarà possibile consultare il sito soltanto in modalità lettura (senza, dunque, poter pubblicare altre domande), mentre dal 4 maggio la sua pagina non sarà più accessibile. In maniera definitiva. Yahoo Answers chiude e noi ce ne dobbiamo fare una ragione, anche perché non sarà più possibile realizzare dei pezzi-capolavoro come questo che vi proponiamo nel “leggi anche”.

LEGGI ANCHE > Yahoo Answers, le domande più assurde di sempre

Yahoo answers chiude, un pezzo di storia del web che se ne va

Come funziona(va) Yahoo Answers? Gli utenti potevano fare domande (davvero qualsiasi domanda), ottenendo risposte dagli altri utenti. In cambio, se le risposte erano soddisfacenti, si poteva ricevere una quotazione in punti che aumentava la reputation dell’utente che le sapeva tutte. Su Yahoo! Answers ci sono oltre 15 anni di storia di internet: si dimostra assolutamente come sia cambiata la percezione del mondo in un decennio e mezzo in cui la tecnologia ci ha definitivamente conquistato, in cui si preferiva consultare un sito di domande e risposte (dove le risposte potevano arrivare da chiunque, altro che fonti verificate) piuttosto che leggere un libro, un manuale o una enciclopedia. Senza contare che, mai come in questi 15 anni, il mondo è andato velocissimo e ci ha superato costantemente a destra. Per dirne una: spesso Yahoo aveva fatto la corte a WikiHow, un servizio nato proprio su ispirazione di Yahoo! Answers. Sembra davvero curioso che WikiHow sia un progetto ancora vivo e vegeto, mentre l’azienda che voleva acquistarlo, oggi, decide di tagliare il servizio che l’aveva ispirato.

Perché chiude Yahoo! Answers

Evidentemente, i tempi attuali richiedono senza dubbio una migliore attenzione sul grande tema del sapere umano e della corretta informazione. Al momento, l’unica motivazione ufficiale sulla chiusura di Yahoo! Answers può essere individuata nella risposta che il colosso del web ha dato al sito di settore The Verge. «Al momento – fanno sapere – nonostante il successo degli ultimi anni, il nostro servizio sta diventando meno popolare, poiché le esigenze degli utenti stanno cambiando. A tal fine, abbiamo deciso di spostare le nostre risorse da Yahoo Answers per concentrarci su prodotti che riescono a servire meglio i membri della nostra community, mantenendo la promessa di Yahoo di fornire contenuti di alta qualità».

Dunque, la questione ci sembra abbastanza evidente: in un mondo in cui le fake news rappresentano il pane quotidiano, il fatto che qualsiasi utente – indipendentemente dal suo know how e dalla sua formazione – possa dare risposte su qualsiasi tematica (dalla scienza alla cultura, passando per il variegato mondo delle relazioni, compreso il sesso) non rappresenta di certo la proiezione della direzione che sta prendendo il mondo dell’informazione online. Forse, Yahoo si è reso conto di quanto vedere accostato – quasi in maniera indissolubile – il suo nome a un servizio di questo genere potesse essere dannoso per la sua reputazione in un momento in cui si chiede una maggiore trasparenza sui processi informativi, un maggiore impegno nella lotta alla disinformazione che popola la rete e che, troppo spesso, caratterizzava anche le pagine di risposta di Yahoo! Answers.

Come continuare a consultare il servizio

Tuttavia, è importante – come per qualsiasi progetto – che si abbia una testimonianza di quanto accaduto in 15 anni di storia di internet, soprattutto se si parla di uno dei servizi più popolari al mondo. Innanzitutto, fino al prossimo 30 giugno 2021, si potranno scaricare tutti i dati di Yahoo! Answers riguardanti le proprie azioni sul servizio: si potranno ottenere tutti i contenuti generati dagli utenti, inclusi l’elenco delle domande, le domande, l’elenco delle risposte, le risposte e qualsiasi immagine. Ovviamente, per ottenere questi dati potrebbero essere necessari fino a 30 giorni poiché verranno formattate con il linguaggio JavaScript Object Notation (dunque, questi stessi dati potranno essere utilizzati soltanto attraverso un sito web di terze parti). Qui è possibile consultare tutto il processo che potrebbe portare alla richiesta dei dati. 

Inoltre, alcune testimonianze – almeno quelle più significative – resteranno per sempre negli archivi della rete, sulla Wayback Machine di archive.org. Yahoo Answers chiude, ma le tracce che ha lasciato saranno ancora visibili.

Share this article
TAGS