Centrato il 6 al Superenalotto: 209 milioni di euro vinti a Lodi con una schedina da due euro

di Enzo Boldi | 13/08/2019

Superenalotto

La dea bendata ha baciato Lodi. 7-32-41-59-75-76: sono questi i numeri che consentiranno a un fortunatissimo di incassare la bellezza di oltre 209 milioni di euro. La schedina vincente è stata giocata nel Bar Marino di via Cavour 46 nella cittadina Lombarda. L’ultimo ‘sei’ al Superenalotto risaliva addirittura al giugno dello scorso anno, quando si vinsero oltre 51 milioni di euro attraverso un sistema pagato da 45 persone. Quella di oggi è la vincita più alta nella storia dei jackpot italiani.

LEGGI ANCHE > Musica e fortuna: tutte le canzoni che ci parlano della dea bendata

La fortuna milionaria al Superenalotto è stata del tutto casuale. La schedina vincente di Lodi, infatti, è stata giocata attraverso il sistema chiamato Quick Pick: si va alla ricevitoria, si dice al negoziante quanto (in termini economici) si vuole giocare e il computer compila la scheda con i numeri estratti casualmente. Nel caso specifico del bar lombardo, la giocata è stata pagata solamente due euro. Una piccola somma investita per sistemarsi definitivamente la vita a livello economico. Insomma, la sintesi di una serie di fortune accumulate e che hanno prodotto un incasso di 209.160.441,54 per una persona che ora starà giustamente festeggiando.

Il 6 da record al Superenalotto

Il record più alto di sempre era di oltre 177 milioni di euro, quando la sestina vincente fu centrata il 30 ottobre 2010 con un sistema Bacheca suddiviso in 70 cedole. Nove anni fa: tra il vecchio primato e quello che lo ha scalzato questa sera a Lodi, sono passati ben 3.167 giorni, durante i quali il 6 è stato centrato in altre 28 occasioni. Molti soldi, dunque, ma mai come questa sera al Bar Marino di via Cavour. Il concorso, ovviamente non si ferma e il jackpot per la prossima estrazione riparte già dalla cifra astronomica di 50 milioni di euro. Meno dell’ultima volta, ma non pensiamo che vincerli possa creare disagio, disturbo o delusione per colpa dei precedenti vincitori.

(foto di copertina: ANSA/ETTORE FERRARI)