Come vola lo spread dopo la crisi di governo

di Redazione | 09/08/2019

spread crisi governo

Il primo effetto di questa crisi di governo aperta da Matteo Salvini con le sue parole nel pomeriggio di ieri è senz’altro sui conti economici dell’Italia. Immediatamente, lo spread è salito a quota 232, dopo un periodo di stabilità dovuto all’accomodamento dei mercati finanziari nei confronti del governo giallo-verde. Proprio nel momento in cui la situazione politica italiana, infatti, sembrava più stabile – con una maggioranza che, bene o male, si era attestata sulle sue posizioni, faceva scaramucce, ma poi trovava una quadra sulle sue proposte -, la crisi di governo è intervenuta a scombinare tutti i piani e a sparigliare le carte.

Spread crisi governo, la reazione

Lo spread alto, ancora una volta sopra quota 200, è un effetto delle parole di Matteo Salvini e della richiesta del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha chiesto di parlamentarizzare la crisi, portando Salvini a presentare una mozione di sfiducia nei confronti dello stesso esecutivo di cui lui ha fatto parte.

Spread crisi governo, gli altri appuntamenti economici della giornata

C’è attesa, adesso, per l’apertura delle borse e per la reazione di Milano e degli altri mercati europei. E oggi ci sarà un’altra giornata cruciale per l’economia italiana, dal momento che l’importante agenzia di rating Fitch annuncerà il suo giudizio sull’Italia. Difficile che nel suo consuntivo possa già aver incluso la crisi di governo esplosa, anzi deflagrata, ieri nel tardo pomeriggio. Tuttavia, un esito negativo a priori potrebbe avere comunque un effetto deleterio sulla tenuta dei conti nel nostro Paese.

A spaventare i mercati, soprattutto l’ipotesi di andare in esercizio provvisorio, con le elezioni fissate proprio all’interno della finestra di bilancio. Il problema sarà l’avvio delle clausole di salvaguardia e del generale aumento delle tasse.