The 100: 5 motivi per amare lo show

The 100 è uno show che ha saputo conquistare un suo pubblico puntando su dei punti di forza ben precisi, ecco 5 motivi per recuperare assolutamente lo show!

La quinta stagione di The 100 è ormai alle porte (guarda il promo) ed i fan non vedono l’ora che inizi! Per chi invece non conoscesse questa fantastica serie, the 100 parla di un futuro post-apocalittico in cui l’umanità è stata costretta a vivere nello spazio poiché la terra è diventata inabitabile, quando però l’ossigeno sull’Arca (la navicella che ospita i sopravvissuti) inizia a scarseggiare per una serie di problemi tecnici, 100 ragazzi vengono spediti sulla terra per scoprire se questa sia pronta ad accogliere di nuovo l’uomo.
Vediamo insieme 5 motivi per iniziare the 100!
 

Il Cast

Il cast di the 100 vanta nomi come Henry Ian Cusik (nel ruolo di Kane) che sicuramente molti di voi riconosceranno per il suo iconico personaggio in Lost in cui interpretava Desmond Hume, Isaiah Washington, nel ruolo di Jaha, che abbiamo visto nei panni del Dottor. Burke in Grey’s Anatomy, e Adina Porter, nel ruolo di Indra, che ricordiamo per aver preso parte moltissime serie tv, inclusa l’ultima stagione di American Horror Story. 
Sono ancora molti altri i nomi che dovremmo ricordare, tutti gli attori del cast rendono i loro personaggi al meglio, l’ultimo che vogliao menzionare è in realtà una comparsa, Shawn Mendes che ha partecipato ad un episodio ed ha cantato una canzone che era già stata usata come colonna sonora della serie, Add it up delle Violent Femmes.

 

Le storie d’amore LGBT


Nella sua sottotrama, The 100 ci porta anche una nota romantica, infatti le storie d’amore tra i personaggi sono una delle parti più emozionanti e consistenti del programma. La cosa più importante è che è una delle poche serie non interamente dedicata ai temi dell’omosessualità a trattare relazioni lgbt che come ogni altro pairing vengono sviluppate con delicatezza e con estrema calma e dolcezza.

La scenografia varia e spettacolare


 
Gli effetti speciali e le ricostruzioni dei luoghi sono uno dei punti di forza di The 100, originali e veritieri, come anche i costumi e le lingue native che parlano i Grounders, rendono il tutto realistico ed ancora più emozionante!

I temi delicati capaci di emozionare

Nella serie vengono trattate molte tematiche delicate, tra le quali il suicidio e la depressione. Una delle note più positive della caratterizzazione dei personaggi è appunto che le loro emozioni rispetto a ciò che succede sono sempre molto realistiche e molto forti. Gli autori infatti lasciano molto spazio in The 100 alla caratterizzazione emotiva dei personaggi (ed ognuno di loro reagisce sempre in modo differente a ciò che accade). Già nel pilot vediamo come gli autori si sia impegnati per rendere al meglio la reazione dei 100 quando arrivano sulla terra. Nella serie, la progressione verso la depressione ed il suicidio di certi personaggi è lenta e graduale, realistica e in grado di suscitare molta empatia.
 

I personaggi di The 100


 
Per ultimi parliamo dei personaggi, che sono il vero punto forte della serie. La caratterizzazione dei personaggi è straordinaria, ognuno è disegnato con una personalità propria ben precisa in tutte le sue sfaccettature e soprattutto quasi tutti i personaggi nel corso della serie vivono un lento e graduale cambiamento che li porta ad essere persone totalmente diverse. Se c’è un motivo per iniziare the 100 è sicuramente per i suoi personaggi come Octavia, Lexa, Raven e Jasper  che regalano emozioni uniche allo spettatore.
 
 

Share this article