Smaila se la prende con Greta Thunberg per aver parlato di ambiente all’Onu. E non di armi

di Enzo Boldi | 14/10/2019

Smaila contro Greta
  • Di accuse nei suoi confronti ne abbiamo sentite tante. Troppe

  • Ora Umberto Smaila accusa Greta Thunberg per aver parlato di Clima all'Onu

  • Secondo lui doveva parlare delle armi

Nei suoi confronti sono state pronunciate parole inverosimili e offensive, solo perché ha riportato l’attenzione mediatica sul futuro del nostro Pianeta. Insulti, ammiccamenti, minacce e quant’altro, però, non riescono a toccare la vetta toccata quest’oggi da un noto attore e presentatore italiano. E così va in onda l’Umberto Smaila contro Greta Thunberg show. Nel mirino, adesso, finisce un’accusa a cui nessuno aveva mai pensato prima d’ora: perché all’Onu la giovane attivista per l’ambienta ha parlato di clima e non di armi? Insomma, la capriola di chi prima non voleva sentirla parlare e che ora pretende che sia una 16enne a smuovere le coscienze dei politicanti sul commercio di armi.

LEGGI ANCHE > Umberto Smaila dice la sua sulla crisi di governo: «Giuseppe Conte sparla di Salvini»

E ecco che il gatto del vicolo è riuscito a fare un miracolo. Dare importanza e risalto mediatico alla piccola Greta che – fino a ieri – doveva rimanere in silenzio ma che ora viene strumentalizzata al contrario. Il tutto dopo le notizie che arrivano dalla Siria con l’offensiva militare della Turchia di Erdogan che sta lasciando morti e sangue nel suo avanzare.

Smaila contro Greta

Insomma, Smaila contro Greta per colpa delle sue parole all’Assemblea generale dell’Onu che aveva come tema del giorno proprio l’ambiente. L’attore ha ragione quando dice che le Nazioni Unite poco fanno guardando passivamente il commercio di armi tra i vari Paesi. Risulta assurdo, però, prendersela con la giovane attivista svedese per aver parlato del riscaldamento globale e non di armi e guerre.

Il vicolo Miracoli

E non potevano mancare i complotti alla base di tutto: «Greta contro la proliferazione delle armi dovevi urlare all’Onu, che stanno facendo centinaia di migliaia di morti anche oggi in Siria, credimi è più importante delle cannucce e dei ghiacciai! Ma chi le armi le vende come noi italiani preferisce che tu parli delle emissioni ecc!». Insomma, ora Greta sarebbe anche usata da chi vende armi. Il vicolo miracoli è ormai un cul de sac.

(foto di copertina: Matteo Nardone/Pacific Press via ZUMA Wire + Wixtràm Peter via ZUMA Press)