La vergogna social dopo le ultime notizie su Silvia Romano: «E ci sono donne che si lamentano di non trovare marito, visto?»

di Enzo Boldi | 30/09/2019

Silvia Romano
  • Al peggio non c'è mai fine e i social sono uno specchio della spazzatura morale che ci circonda

  • Le ultime notizie su Silvia Romano hanno dato il via a una becera ironia sui social

  • Il tutto condito da comicità che non fa ridere e la classica gara al "rutto libero" dei leoni da tastiera

La notizia rilanciata da Il Giornale sembra non trovare conferma né dagli 007 italiani né dagli inquirenti. Il quotidiano diretto da Alessandro Sallusti ha scritto che Silvia Romano sarebbe viva (e fino a qui la notizia è bellissima) ma sarebbe stata costretta a un matrimonio con un uomo di potere in Somalia. Questa informazione ha provocato diverse reazioni e, come troppo spesso accade, i social sono riusciti a dare il peggio di loro aprendo le gabbie dei famosi leoni da tastiera che insultano tutto e tutti credendo di essere simpatici. La realtà è che la loro meschinità li accompagna nella loro vita decisamente triste se si ha tempo di commentare e insultare tutto e tutti dalla mattina alla sera.

LEGGI ANCHE > «Silvia Romano è stata costretta al matrimonio»

Tra le migliaia di messaggi di vicinanza alla famiglia di Silvia Romano e di impaziente attesa di belle notizie dall’Africa, alcuni biechi personaggi che si ritengono influencer social per via dei loro commenti sferzanti, hanno riversato le proprie frustrazioni commentando con ironia la notizia de Il Giornale che, in breve tempo, è stata ripresa da moltissime testate. Ed ecco che le migliori menti italiane sono riuscite a partorire cotanti pensieri.

Questo commento è comparso sotto a un articolo condiviso da Enrico Mentana. Un tentativo di fare della becera ironia che, in quanto a becerume, è pienamente riuscita. Ridere e scherzare sul racconto di una tragedia nella tragedia etichetta questo personaggio per quel che è. Per questo motivo (come da prassi) i nomi sono stati oscurati perché l’obiettivo è denunciare i comportamenti e non mettere alla gogna persone che – evidentemente – non hanno voglia di cospargersi il capo di cenere e capire quanto orribile possa esser stato il proprio comportamento.

I nuovi insulti a Silvia Romano

Ma non c’è solo questo. Tra le decine di commenti che insultano ancor Silvia Romano per la sua scelta di «aiutarli a casa loro» (e fa sorridere come buona parte di questi commentatori siano leghisti convinti, ma evidentemente alquanto disinformati sui motti del Carroccio) ci sono questi capolavori della letteratura moderna.

Una vergogna chiamata Italia dei social

Commentare questo schifo social contro Silvia Romano sarebbe troppo lungo, ma il termine per definire quanto scritto qui sopra (e si tratta solamente di una rapida cernita di commenti sparsi sotto agli articoli di varie testate) è ‘vergogna’. Ma questo è il palcoscenico in cui la gente social pensa di fare cabaret. Ma dal palco si scivola, magari la notte quando si riflette sullo schifo commesso nella giornata. O, magari, in Chiesa davanti a un rosario e un crocifisso.