Sanremo 2016, il regolamento “imbavaglia” i cantanti

di Redazione | 28/01/2016

sanremo indagine rai

SANREMO 2016

“Tutti cantano Sanremo“, recita il claim del festival. Tranne i Big, si potrebbe aggiungere ironicamente. Scordatevi di scherzare con un cantante della sezione Campioni di Sanremo 2016 chiedendogli durante un’intervista video di accennarvi il brano musicale che preferiva nell’infanzia o quello che cantava da adolescente sotto la doccia. O di improvvisare durante una trasmissione radiofonica uno stacchetto musicale per lanciare la pubblicità. O ancora di chiedere ad uno dei due rapper in gara tra i Big di regalarvi un inedito freestyle. Non si può. È vietato dal regolamento del festival. A meno che non si abbia in mano una preventiva autorizzazione scritta di Rai1. Come l’anno scorso, il divieto di esecuzione riguarda infatti qualsiasi composizione musicale e non solo i brani da eseguire sul palco dell’Ariston (le canzoni in gara per vittoria e le cover del giovedì sera). Ma la novità e che da quest’anno la richiesta di eventuali deroghe si è fatta più difficile. Andrebbe ottenuta per iscritto e anticipatamente. Ugole imbavagliate insomma per i Big in gara alla kermesse.

 

IL REGOLAMENTO

Il regolamento di quest’anno recita infatti che “fatta salva l’eventuale preventiva autorizzazione scritta di Rai – Direzione di Rai1 e fermo restando, in ogni caso, quanto stabilito nel presente Regolamento in merito al fatto che le canzoni ammesse a Sanremo 2016 devono essere nuove (eccezion fatta unicamente per la cover), tutti gli artisti in competizione nella sezione Campioni non potranno prendere parte, pena l’esclusione da Sanremo 2016 e con salvezza di ogni ulteriore diritto e/o azione previsti dalla legge e/o dal presente Regolamento – a manifestazioni, incontri o programmi che prevedano loro interpretazioni-esecuzioni di qualsiasi composizione musicale (anche se diverse da quelle presentate in occasione della competizione a Sanremo 2016), in diffusione televisiva, radiofonica, via internet, etc. nel periodo tra il 25 gennaio e sino al termine della serata finale di Sanremo 2016; nel periodo indicato sono comunque consentite le partecipazioni per interviste”. Per le Nuove proposte il divieto riguarda solo l’esecuzione in trasmissioni televisive dei brani in gara.

 

L’ANNO SCORSO

Rispetto al Regolamento dello scorso anno il divieto si è fatto più stringente. Infatti per Sanremo 2015 la clausola prevedeva eccezioni autorizzate dall’organizzazione (ma non preventivamente e non per iscritto), a patto che non si trattasse dei brani in gara e delle cover. Insomma l’anno scorso stacchetti, freestyle o l’accenno di una cover (non tra quelle scelte per la serata del giovedì) improvvisati davanti ad uno dei tanti microfoni accesi intorno alla kermesse erano tollerati. Quest’anno no.

LEGGI > Sanremo 2016, cantanti, ospiti, date, serate, nuove proposte

LEGGI > Testi canzoni Sanremo 2016