Il ministro Salvini risponde alla pornostar: «L’ho stuprata? Ma se ero con Saviano»

di Enzo Boldi | 18/01/2019

Salvini Valentina Nappi
  • Lunedì Valentina Nappi aveva accusato di "stupro" Matteo Salvini

  • Parole provocatorie per sottolineare la riabilitazione di una cultura nazionalista

  • Il leader della Lega si "difende" tirando in ballo anche Roberto Saviano

Il ministro, la pornostar e lo scrittore. Sembra il titolo si un B-Movie italiano, uno di quelli con Lino Banfi, Alvaro Vitali e una bellezza come Edwige Fenech. E, invece, è la triste realtà italiana che vede come solito protagonista Matteo Salvini, che spesso e volentieri dimentica di ricoprire una carica istituzionale e si getta in una lotta nel fango con le esternazioni di chiunque sui social.

LEGGI ANCHE > Afragola, il baciamano a Salvini e le grida della folla: «Togli la scorta a Saviano» | VIDEO

Uno degli ultimi casi è stato quello che ha visto protagonista la pornostar italiana Valentina Nappi, che in un lungo post sul proprio profilo Instagram esordiva così: «Sono stata ‘struprata’ da Salvini». Nel testo, ovviamente, l’attrice hard non faceva riferimento a una violenza fisica, ma a un richiamo alla «riabilitazione della peggiore cultura identitaria nazionalista» marcata e rimarcata dalle parole e dagli atteggiamenti del leader della Lega.

Salvini e l’alibi per lo stupro di Valentina Nappi

Un parere, ovviamente non richiesto, ma legittimo per una qualsiasi cittadina. E, come accade spesso (anzi sempre) Matteo Salvini ha voluto replicare alla 28enne pornostar di Sacafati tirando in ballo anche un suo vecchio ‘nemico’: «Valentina Nappi dice che l’ho stuprata? Ho un alibi, quel giorno ero con Riberto Saviano». Da morire dal ridere, soprattutto con in dosso una delle tante divise presenti nel suo guardaroba.

La risposta irridente dietro la divisa

E proprio questa mattina, prima che Matteo Salvini mettesse piede ad Afragola per mostrare ai cittadini a vicinanza dello Stato dopo le otto bombe (compresa quella all’ingresso della pizzeria di Gino Sorbillo in pieno centro a Napoli), Roberto Saviano aveva pubblicato un video in cui ribadiva un concetto molto caro allo scrittore: «Matteo Salvini sei uno sciacallo». E il ministro dell’Interno, per ribadire il suo essere un uomo qualunque, ha deciso di fare di tutta l’erba un fascio rispondendo in una botta sola a Valentina Nappi e allo scrittore napoletano.

(foto di copertina: Hubert Boesl/dpa + frame da profilo Facebook Salvini)