Gli altri scioperano per il clima, lui lancia merendine alla folla | VIDEO

di Gianmichele Laino | 27/09/2019

Salvini lancia merendine
  • Matteo Salvini ha lanciato merendine alla festa della Lega a Genova

  • Un gesto in controtendenza rispetto alle manifestazioni per il clima di questi giorni

  • Ma la decisione di tassare le merende caloriche è solo un'idea

La «disobbedienza civile» di Matteo Salvini. Dal palco della Zena Fest, la festa della Lega a Genova, l’ex ministro dell’Interno ha iniziato a lanciare merendine verso i suoi sostenitori. Raggiunto da diversi pacchi di brioche Kinder – il marchio era bene in vista (un caso?) – il leader della Lega ha prima scartato le confezioni e poi ha iniziato a elargire le singole merendine. La polemica, ovviamente esplicita, è contro la proposta del ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, che vorrebbe tassare le merendine ipercaloriche e le bibite gasate per aumentare i fondi alle scuole italiane.

LEGGI ANCHE > Massimo Cacciari contro il Friday For Future: «Ma quale Greta. I ragazzi stiano in classe ad ascoltare gli scenziati»

Salvini distribuisce merendine: il gesto a Genova

Un contraltare niente male, dal momento che oggi centinaia di migliaia di studenti delle scuole scenderanno in piazza per manifestare – autorizzati da una disposizione dello stesso ministro dell’Istruzione – contro il cambiamento climatico, in uno dei tanti Fridays for Future che stanno animando tutte le principali capitali mondiali. Il cambiamento climatico, infatti, non può non prescindere da una corretta alimentazione e da una corretta educazione nei confronti dei cibi da consumare che parta proprio nelle scuole.

Salvini distribuisce merendine: ma la tassa resta solo un’idea

Tuttavia, Matteo Salvini – ben consapevole della forza mediatica dei suoi gesti – ha voluto dare un messaggio diametralmente opposto rispetto a quello che riempierà le piazze di tutta Italia questa mattina. Vale la pena ricordare, a questo punto, che la proposta del ministro Fioramonti di tassare le merendine è rimasta tale: al momento, il governo non ha preso alcun provvedimento in merito. Anzi, il ministro degli Esteri e capo politico del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio si è detto contrario a una misura del genere. Ma è bastato semplicemente pronunciarla perché, nella bolla social di Matteo Salvini, sia già diventata realtà.