Nel giorno del ricordo del Ponte Morandi, Salvini va anche a La Spezia per il Beach Tour

di Enzo Boldi | 14/08/2019

Salvini
  • Dopo la cerimonia di commemorazione a Genova, Salvini andrà a La Spezia

  • Alle 20 è previsto il suo intervento sul palco ligure per la 16esima tappa del suo Beach Tour

  • Cento chilometri di distanza per tornare a parlare di politica dopo la commozione

Momenti toccanti a Genova, dove l’intera comunità ha ricordato le 43 vittime della tragedia del Ponte Morandi. L’Italia si è stretta attorno ai familiari, così come giustamente hanno fatto i politici che si sono recati nel capoluogo ligure per quelle celebrazioni a un anno di distanza dalle lacrime che si sono versate. Dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ai due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Le istituzioni al gran completo hanno omaggiato a una città che, con gran fatica e grande tenacia, ha saputo rialzarsi.

LEGGI ANCHE > Salvini fa il romantico: «Non riuscirò mai a parlar male di Luigi Di Maio»

Poi, però, la vita va avanti, come da copione. Un testo già scritto che porterà ciascuna delle persone che si sono alternate tra gli abbracci dei familiari delle 43 vittime a un ritorno alle consuete attività in questi giorni di crisi di governo ferragostana, tra incontri e dibattiti pubblici. E vicino a Genova, a poco più di 100 chilometri di distanza tornando verso Sud, c’è La Spezia dove stasera è prevista la 16esima tappa del Beach Tour di Matteo Salvini.

Dopo Genova, Salvini va a La Spezia per il suo Beach Tour

Poco più di cento chilometri nel corso della stessa giornata dopo la visita istituzionale per omaggiare il ricordo delle vittime del Ponte Morandi e abbracciare tutti i familiari che in quella tragedia hanno perso un loro caro, un loro amico o un loro collega. E stasera, dal palco di La Spezia, si tornerà a parlare di politica, dopo quel silenzio durato circa un’ora durante le funzioni per ricordare la tragedia di Genova.

Crisi di governo e strane alleanze

I temi che il leader della Lega approfondirà durante il suo intervento saranno i soliti, nel mantra della campagna elettorale mai finita e che si rinvigorisce ogni giorno di più in attesa delle decisioni di Giuseppe Conte (prima) e Sergio Mattarella (poi). Il presunto – e probabile – tentativo di alleanza tra Pd e Movimento 5 Stelle e gli attacchi a quell’opposizione che ora potrebbe magicamente ritrovarsi a essere maggioranza.

(foto di copertina: ANSA/ LUCA ZENNARO)