Elezioni Europee, Matteo Salvini bacia il crocifisso e ringrazia il cuore immacolato di Maria

di Enzo Boldi | 27/05/2019

Salvini

A urne chiuse si può ringraziare a cuore aperto senza essere accusati di voler strumentalizzare. Ringrazio chi c’è lassù e non aiuta Salvini e la Lega, ma l’Italia e l’Europa a ritrovare radici, sicurezza e futuro. La festa dura pochi minuti perché è il momento della responsabilità». Queste le prime parole del leader della Lega in conferenza stampa dopo le proiezione che danno il Carroccio nettamente in testa nel voto per le elezioni europee. Il ministro dell’Interno ha assicurato che al Movimento 5 Stelle non chiederà nulla e che l’alleanza resta valida.

LEGGI ANCHE > La Lega festeggia esponendo l’uovo di Pasqua del Milan e Alberto da Giussano

«In attesa dei dati definitivi grazie, grazie grazie Italia, da tutta la squadra. Useremo bene la vostra fiducia. Lega primo partito in Italia, in Europa si cambia – ha proseguito Matteo Salvini – Oggi siamo primo partito a Nord e a Sud. Sarà un periodo economico complicato, siamo il primo partito di un grande Paese e vedremo di fare valere in Europa le ragioni di un grande Paese». Poi le rassicurazioni all’alleato di governo. Non ci sarò nessun rimpasto né richiesta di cambiare lo status quo.

Salvini rassicura il Movimento 5 Stelle

«Usiamo questi consensi non per regolamenti di conti interni: il mio avversario è la sinistra. Da domani si torna a lavorare serenamente – ha proseguito Matteo Salvini da via Bellerio -. Abbiamo subito attacchi quotidiani vergognosi, pero’ la vita reale e’ piu’ forte degli attacchi virtuali. Non useremo questo voto per un regolamento di conti interni, il mio avversario era e rimane la sinistra. Gli alleati di governo sono amici e da domani che si torna a lavorare serenamente».

I piani per una nuova Europa

Se all’interno dell’Italia non dovrebbe cambiare nulla – con Matteo Salvini che spera in un risultato sopra il 50% del duo Lega-M5S (seppure a forze invertite) – questo risultato dà molto più potere al Carroccio in Europa. E per il futuro le cose sono destinate a cambiare: «Sarà un periodo economico complicato e siamo perfettamente consapevoli delle difficoltà».