Incendio nella base di sottomarini atomici in Russia: «Nessun rischio radiazioni»

di Gaia Mellone | 08/08/2019

Sommergibile russo in fiamme, morti 14 marinai
  • Incendio divampato nella base militare russa di Severodvinsk

  • La base ospita i sottomarini atomici

  • il bilancio è di due morti e 6 feriti

Nella base militare di Severodvinsk, nella regione di Arkhangelsk della Russia settentrionale, è divampato un incendio che ha ucciso due persone e ferito 6 persone. Le fiamme sono divampate da una delle navi: la base infatti è “casa” dei sottomarini atomici russi.

Incendio nella base di sottomarini atomici in Russia: «Nessun rischio radiazioni»

Sembrerebbe certa la morte di due persone a seguito delle esplosioni avvenute a bordo di una nave nella base militare di Severodvinsk: nell’esplosione e nell’incendio conseguente sarebbero rimaste ferite anche circa 6 persone tra ingegneri civili e militari. Sul luogo è stata spedita una eliambulanza per fornire i soccorsi e trasportare i feriti nell’ospedale della vicina cittadina di Nionoksi, dove sono arrivati i servizi di emergenza. Secondo quanto riportato dai media locali, l’incendio sarebbe divampato a bordo di una delle navi all’interno della base dove si trovano i sottomarini atomici russi durante una operazione a bordo a seguito di un test durante il quale era esploso il motore di una razzo.

Igor Orlov, governatore della regione Arkhangelsk, ha comunicato che non è prevista né necessaria alcuna evacuazione dopo l’incendio e che le fiamme non hanno causato dispersione di sostanze pericolose, e le forze dell’ordine hanno specificato all’agenzia di stampa russa Tass che i livelli di radiazioni a Severodvinsk restano in un parametro «normale».