Calderoli e la seduta del Senato sulle malattie oncologiche: «La presiede uno che lotta contro il cancro da sei anni»

di Redazione | 07/03/2019

commissioni

Chi lo conosce bene lo sapeva da tempo, ma aveva mantenuto il riserbo. Ora è Roberto Calderoli stesso a rivelare all’aula di Palazzo Madama la sua lotta contro il cancro da sei anni e mezzo. Lo fa in una giornata simbolo, quella dell’approvazione in Senato delle linee guida per fronteggiare le malattie oncologiche. La seduta è presieduta dal leghista, vicepresidente di Maria Elisabetta Alberti Casellati.

L’occasione è stata opportuna per ricordare ai suoi colleghi la lotta che sta portando avanti da tempo: «Il caso ha voluto – ha detto Calderoli al termine di una votazione che ha portato il Senato ad approvare le misure all’unanimità – che a presiedere sia una persona che il cancro ce l’ha avuto e da sei anni e mezzo sta combattendolo».

Il video del discorso di Roberto Calderoli sul cancro

La confessione di Roberto Calderoli ha commosso il Senato

Immediato l’applauso dell’Aula che ha voluto così omaggiare uno dei suoi esponenti con più esperienza, una delle persone che meglio conosce i suoi regolamenti e le sue convenzioni. Per questo motivo, Calderoli non si è scomposto. Presiedendo la seduta ha anche commentato l’applauso affettuoso che è arrivato da tutto l’emiciclo, dalla maggioranza all’opposizione. «Vi ringrazio per un applauso non gradito, non lo auguro a nessuno – ha affermato -. Però, toccando ferro, si può anche guarire».

FOTO: ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI