No, i rifiuti che state vedendo non sono stati lasciati dai manifestanti del centrodestra ieri

di Redazione | 20/10/2019

rifiuti san Giovanni

Stanno circolando in rete alcune immagini che, sui social network, sono state associate alla piazza di San Giovanni di Roma nella giornata del 19 ottobre, all’indomani della manifestazione unitaria del centrodestra denominata ‘Orgoglio italiano’. A terra si vedono cartacce e cartoni, bottiglie di birra e di liquori e ogni altro genere di rifiuti San Giovanni. Chi le ha diffuse in rete le ha indicate come prova della presunta inciviltà dei manifestanti del centrodestra che sono scesi in piazza ieri: da Fratelli d’Italia alla Lega, passando per Forza Italia e Casapound.

LEGGI ANCHE > Al via a Roma la manifestazione del centrodestra contro il governo Conte

Rifiuti san Giovanni, la bufala della sporcizia lasciata dai manifestanti del centrodestra

rifiuti san Giovanni

Le foto in questione sono state pubblicate ben cinque anni fa, nel maggio del 2014. Sono relative a quell’edizione del concertone del Primo Maggio e sono state scattate dal fotografo Massimo Barsoum dell’agenzia fotografica Toiati. Tra gli altri giornali che le pubblicarono, ci fu senz’altro il Messaggero. Facile reperire questo documento in rete con una semplice ricerca per immagini.

Si tratta di una sequenza di 14 fotografie, dalla quale si può desumere la data dello scatto. Sono state ritratte, infatti, anche le tabelle elettroniche dell’Atac per l’attesa dei mezzi pubblici, che riportano la data 02/05/2014. Evidentemente, dopo la mezzanotte del primo maggio del 2014, la situazione in piazza San Giovanni era questa.

Rifiuti san Giovanni: il fake che si ripete ciclicamente

Le condizioni della piazza di ieri, invece, erano decisamente diverse. In ogni caso, non è la prima volta che si usano vecchie fotografie per strumentalizzarle in questo modo. Basti pensare alle decine di foto fake (o isolate dai contesti) che sono state diffuse all’indomani delle grandi manifestazioni contro il cambiamento climatico che hanno affollato diverse città italiane in questi ultimi mesi (l’ultima grande manifestazione c’è stata lo scorso venerdì 27 settembre). Anche in quelle circostanze sono circolate immagini che non davano l’esatto quadro della realtà, che fornivano un punto di vista soltanto parziale o che appartenevano ad altri contesti storici. Esattamente come in questo caso.