La Giunta Raggi cancella dalla toponomastica tre strade intitolate a chi ha scritto il ‘Manifesto della Razza’

di Enzo Boldi | 10/09/2019

Raggi
  • Roma dice addio a tre strade intitolare a due dei firmatari del Manifesto della Razza

  • Spariscono dalla toponomastica capitolina via Arturo Donaggio, largo Arturo Donaggio e via Edoardo Zavattari

  • Al loro posto i nomi di tre scienziati antifascisti

Una scelta che sa si rottura con il passato. La giunta capitolina, guidata dalla sindaca Virginia Raggi, ha deciso di modificare una parte della toponomastica di Roma, cambiando il nome a tre strade tra Primavalle e Castel Romano. Spariscono i nomi di Edoardo Zavattari e Arturo Donaggio – due dei firmatari del Manifesto della Razza – per lasciare spazio a tre personalità che si sono distinte per le loro lotte contro il fascismo e il regime: Mario Carrara, Nella Mortara ed Enrica Calabresi.

I tre personaggi rappresentano un pezzo di storia della resistenza romana. Si tratta di un medico (Mario Carrara), una fisica (Nella Mortara) e una zoologa (Enrica Calabresi) che decisero di non aderire, redigere e firmare il Manifesto della Razza. E proprio i loro nomi, dunque, sostituiranno quelli dei loro colleghi per le vie di Roma. La giunta Raggi, con questo gesto, ha voluto sottolineare la propria condanna agli ideali fascisti che, anche nella toponomastica, continuano a essere presenti sul territorio capitolino.

La decisione antifascista della giunta Raggi

«Sono orgogliosa di questo processo di partecipazione che ha visto protagonisti soprattutto i ragazzi – scrive Virginia Raggi sulla sua pagina Facebook dando l’annuncio dell’avvio dell’iter per la rinominare le tre strade in questione -. Credo sia molto significativo che la scelta sia caduta su tre scienziati, tra i quali due donne, che ebbero il coraggio di opporsi al Manifesto della Razza e non si resero complici dell’orrore delle leggi razziali».

L’iter appena avviato

Una decisione che, a livello tecnico, potrebbe provocare alcune difficoltà per residente e negozianti delle zone interessate (Primavalle e Castel Romano), ma la sindaca della capitale assicura che non ci saranno problemi: «Voglio precisare a tutti i cittadini e commercianti residenti in quelle vie che il cambio sarà effettivo solo al termine dell’iter amministrativo, che saranno adeguatamente informati nelle prossime settimane e che gli uffici capitolini faranno il massimo per agevolare il passaggio e la modifica dei documenti».

(foto di copertina: ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)