No, Susanna Ceccardi non ha mai detto che i Puffi sono comunisti

Puffi Comunisti

Quando si avvicinano le scadenze elettorali, i social – come da triste tradizione – si riempiono di fake news. L’ultima riguarda una presunta dichiarazione attribuita alla candidata leghista (e del Centrodestra) alla guida della Regione Toscana, Susanna Ceccardi. Secondo questo post, che contiene informazioni false, che circola tra Facebook e Twitter, l’europarlamentare ed ex sindaca di Cascina avrebbe parlato di Puffi Comunisti per la narrazione del loro Stato sociale. Ma non c’è alcuna conferma attorno alla veridicità di questa attribuzione.

LEGGI ANCHE > Secondo Susanna Ceccardi «Imagine» di John Lennon è un inno marxista

Questo è quanto compare in alcuni meme che da ieri, giovedì 9 luglio, circolano sui social e in cui viene citata Susanna Ceccardi.

A dei bambini l’altro giorno è stato mostrato il cartone animato ‘I Puffi’ dove gli abitanti del villaggio non hanno nomi ma vengono chiamati ‘puffo’ seguito dal loro mestiere. Sapete chi faceva così? I comunisti. Il capo villaggio, tale ‘Grande Puffo’ si distingue per il cappello rosso, colore del comunismo, ed è chiaramente ispirato a Marx. ll cartone sarà anche carino ma il messaggio è aberrante.

Puffi Comunisti

Puffi Comunisti? Non l’ha mai detto Susanna Ceccardi

Come spiega Bufale.net, di queste dichiarazioni attribuite alla candidata leghista alla guida della Regione Toscana non c’è alcuna traccia. Qualsiasi ricerca, infatti, rimanda solamente a meme di questo tipo e non a ricostruzioni maggiormente veritiere. Nessuna fonte ufficiale, però. Neanche dai canali social di Susanna Ceccardi e della Lega. Insomma, la vicenda dei Puffi Comunisti sembrerebbe essere proprio la classica provocazione nata in rete e che, come spesso accada, si diffonde a macchia d’olio diventando – ben presto – una bufala vera e propria. Anche perché, questa ricostruzione, assomiglia più a una descrizione de La Fattoria degli Animali di George Orwell che a quel cartone animato tanto amato dai bambini.

(foto di copertina: da Bufale.net)

Share this article