Come proteggere la privacy sul nostro smartphone

di Redazione | 26/05/2020

privacy smartphone

Oramai con il nostro smartphone facciamo qualunque cosa: pagamenti, giochi, social, mappe, mail dell’ultimo minuto per il lavoro, chiamare un taxi, prenotare il ristorante. E sempre più spesso tutto ciò viene fatto attraverso una semplice app, in pochi tocchi sullo schermo. Purtroppo come ben sappiamo le app non ci aiutano solo nelle attività quotidiane ma raccolgono sempre più dati su di noi e le nostre preferenze. Non sorprende quindi che così tante persone e aziende stiano iniziando a prendere sul serio la sicurezza informatica e dei dati. Andiamo quindi a vedere qualche consiglio utile per proteggere la privacy sul nostro smartphone.

Privacy Smartphone, utilizzare un passcode

Ciò può sembrare ovvio, ancora molti di noi non utilizzano il passcode o pin iniziale. Praticamente e il telefono viene perso/rubato tutte le nostre informazioni saranno date in mano a qualcun altro.

Quando si imposta il passcode, utilizzare le stesse misure di sicurezza adottate per qualunque altra chiave di sicurezza. Non usare la propria data di nascita, 1234, non condividere il passcode con nessuno e non usare la stessa combinazione su altri dispositivi.

Selezionare le app

Di app ne esistono milioni e tutte sembrano essere eccezionali e interessanti. Purtroppo non tutte sono così sicure e per difendere la privacy sul nostro smartphone è bene conoscere le app che si andranno a scaricare e installare sul nostro dispositivo. Alcune possono vendere i dati a terze parti, bombardandoci poi di pubblicità, altre invece nascondono alcuni malware che potrebbero compromettere il funzionamento stesso del dispositivo

Non fare clic su collegamenti sospetti e attenzione alla rete

Per qualche ragione tendiamo a cliccare sui link senza prima verificare con cura l’URL di destinazione. Molto spesso le truffe si nascondono proprio dietro URL dall’aspetto innocuo mentre invece si tratta di siti dannosi che cercano di estrapolare i dai personali degli utenti. Inoltre è sempre bene verificare la rete con cui si è connessi. Le reti Wi-Fi pubbliche ad esempio non sono sempre sicure e possono essere facilmente hackerate. Come dice Harold Li, vicepresidente di ExpressVPN, su una rete Wi-Fi ‘un hacker può condurre facilmente un attacco man-in-the-middle, manipolando così il nostro traffico, accedendo ad informazioni criptate’. E prima di correre questo rischio è consigliato installare una VPN anche su mobile. Come funziona una VPN? Semplicemente andando a isolare la nostra connessione e impendendo a tutti di decifrare i nostri dati, a partire dall’indirizzo IP.

Abilitare la cancellazione remota

In caso di smarrimento o furto del telefono, sarebbe bello cancellare da remoto i dati importanti. Potete farlo tramite la pulizia remota ed è relativamente facile da eseguire sulla maggior parte dei dispositivi. Un iPhone, ad esempio, richiede semplicemente di abilitare “Trova il mio telefono” sul dispositivo e di registrare un account iCloud, che sarà il centro di comando al momento di cancellare.

Tenere aggiornato il software

Gli aggiornamenti del software spesso correggono le falle di sicurezza e privacy scoperte da utenti e sviluppatori durante l’utilizzo del dispositivo. Mantenere aggiornato il software significa dare una protezione in più al proprio software e app, mantenendo così sempre aggiornate le impostazioni di sicurezza e privacy.

Utilizzare le applicazioni di sicurezza

Sia Spyware che Malware stanno diventando un problema serio per i dispositivi mobili. Questi virus, a volte molto sofisticati, possono rilevare la nostra posizione, inviare dati personali a server remoti e rallentare ovviamente il funzionamento del dispositivo. Per evitare spiacevoli sorprese e proteggere la privacy sullo smartphone è consigliato installare un software di sicurezza e tenerlo sempre aggiornato.

Eseguire regolarmente il backup del telefono

Come per hard disk esterni e computer, anche per il telefono è consigliato eseguire di tanto in tanto un backup dei dati: app, musica, foto e file vari. Questo è ovviamente importante nel caso in cui il telefono venga smarrito o rubato, ma può anche tornare utile quando si esegue un aggiornamento del sistema operativo e si verifica una perdita di dati. Assicuratevi di eseguire il backup almeno una volta al giorno per ottenere i migliori risultati o considerate l’utilizzo della sincronizzazione automatica con un programma cloud.

TAG: Smartphone