Il premier Conte e i famigerati “sbarchi” in Germania | VIDEO

di Redazione | 22/10/2018

conte sbarchi
  • Curioso siparietto tra il presidente del Consiglio e i cronisti riuniti alla Stampa Estera

  • Secondo Conte dal cancelliere austriaco Sebastian Kurz sono state fatte «dichiarazioni incaute» sull'Italia

  • Per il premier, in UE, scavalcare chi è chiamato a interloquire non significa rispettare le regole

«Vi sfido a trovare un altro Paese in Europa che dal 2013 ha ricevuto 688 mila persone. E poi mi dite che succede». E i giornalisti in coro: «La Germania». «Ma non con gli sbarchi», ha ribadito il premier Giuseppe Conte. Ma poi ha dovuto incassare il colpo. Curioso siparietto tra il presidente del Consiglio e i cronisti riuniti alla Stampa Estera. Un botta e risposta che non è passato inosservato.

LEGGI ANCHE > Tria e la manovra che non si tocca. «Sappiamo che non siamo in linea con le regole Ue»

Il dialogo surreale tra Giuseppe Conte e i giornalisti della stampa estera

D’altronde in Germania non c’è un flusso di sbarchi di migranti via mare. E i vicini d’oltralpe hanno da sempre avuto qualche problema con l’accoglienza e l’immigrazione. A dispetto delle alte cifre con cui continuano ad accogliere.

Secondo Conte dal cancelliere austriaco Sebastian Kurz sono state fatte «dichiarazioni incaute» sull’Italia. «Se noi siamo in Europa e diciamo che dobbiamo rispettare le procedure», in questa fase scavalcare chi è chiamato a interloquire, ovvero la Commissione Ue e il governo italiano, «significa non rispettare le regole».