Il vergognoso post sessista del consigliere della Lega su Emma Marrone

di Redazione | 22/02/2019

lega
  • Un consigliere comunale della Lega ad Amelia (Terni) sarà espulso dal partito per un post sessista su Emma Marrone

  • «Faresti bene ad aprire le tue c... facendoti pagare per esempio» , è la vergognosa e offensiva frase pubblicata su Facebook

«Faresti bene ad aprire le tue c… facendoti pagare per esempio» è il vergognoso post sessista pubblicato su Facebook un consigliere comunale della Lega ad Amelia, in provincia di Terni, su Emma Marrone. La frase volgare e offensiva è stata postata come commento al link di una notizia su un sito riguardante la cantante, che durante un concerto avrebbe urlato dal palco la frase «Aprite i porti».

Il consigliere della Lega espulso per un post sessista su Emma Marrone

Il partito di Matteo Salvini ha annunciato oggi che il suo iscritto sarà espulso. «La Lega Umbria si dissocia dal commento sessista espresso dal consigliere comunale di Amelia», ha sottolineato il segretario regionale del Carroccio, il deputato Virginio Caparvi. L’onorevole ha annunciato la decisione «irrevocabile» di avviare sin da subito le procedure per l’espulsione dal partito. «Anche il dissenso più forte – ha continuato Caparvi – non può mai scadere in simili commenti. Le affermazioni del consigliere non solo sono inaccettabili, ma assolutamente distanti dallo spirito e dai valori espressi dalla Lega e dunque chiunque utilizzi questo linguaggio non può rappresentare il nostro movimento».

 

lega
(Screenshot via Facebook)

 

Il consigliere già nel luglio 2017, allora era assessore, era stato protagonista di un’altra polemica social. Quella volta, sempre su Facebook, aveva espresso un commento anti-Islam. «In Siria – aveva scritto – c’è in atto da più di 12 anni una guerra civile tra musul… la differenza la fa il fatto di essere uno sciita o un sunnita. Secondo il mio pensiero si dovrebbero ammazzare tutti fino all’ultimo individuo siriano». Dopo quell’episodio e le reazioni che ne erano susseguite, l’assessore aveva dato le proprie dimissioni dalla giunta guidata dalla sindaca di centrodestra Laura Pernazza.

Le reazioni alla vicenda non si sono fatte attendere. Soprattutto sui social network. «Ma perché espellerlo? – ha chiesto ironicamente un utente su Twitter – Dopo tutto è perfettamente in linea con le basi dello stile salvinian-leghista: arroganza, violenza, stupidità, incultura, prevaricazione, maleducazione, squadrismo, machismo». E un altro. «Ormai abbiamo toccato le punte più alte dell’evoluzione umana e stiamo tornando indietro, alcuni molto più velocemente di altri».

(In copertina: foto Zumapress da archivio Ansa di Emma Marrone e uno screenshot via Facebook del commento sessista del consigliere della Lega. Ultimo aggiornamento alle ore 11.00 del 22 febbraio)