L’ex M5S Pizzarotti a Otto e Mezzo: «Di Maio farà la fine di Renzi»

di Enzo Boldi | 30/04/2019

Pizzarotti Otto e Mezzo
  • L'ex pentastellato Federico Pizzarotti lancia un presagio sul destino politico di Luigi Di Maio

  • Per il sindaco di Parma, il leader M5S è destinato a fare la fine di Matteo Renzi

  • La sua colpa è aver accentrato il potere su di lui, senza mai consultare la base del Movimento

«Luigi Di Maio perderà colpi e probabilmente farà la stessa fine di Matteo Renzi. Questo accade quando non c’è condivisione all’interno del partito e non si cerca un radicamento sul territorio». La stroncatura dell’operato del leader del Movimento 5 Stelle arriva direttamente nel più classico ‘c’eravamo tanto amati’ da parte dell’ex militante pentastellato e sindaco di Parma Federico Pizzarotti, eletto come primo cittadino ducale nel 2012 proprio nelle file dei grillini. E il suo parere sul M5S è tutt’altro che positivo.

LEGGI ANCHE > Il duo Di Battista-Pizzarotti candidati insieme alle Europee, ma è un pesce d’aprile

Gli oscuri presagi sulle sorti – politiche – di Luigi Di Maio (e non solo) sono state sciorinate nel corso della sua intervista con Lilli Gruber a Otto e Mezzo, su La7. Le critiche principali sono proprio agli annunci che il Movimento 5 Stelle ha sempre fatto, cavalcando l’onda populista, prima di scontrarsi con la realtà dei fatti. «La posizione dei 5 Stelle è sempre opportunista per definizione – ha spiegato Pizzarotti -, non solo sulle tematiche giudiziarie: chi avrebbe mai detto fino a qualche anno fa che i 5 Stelle avrebbero garantito a Salvini di non andare a processo? Ma è proprio quello che è successo, perché il punto è cavalcare l’opinione pubblica senza mai dare un’idea chiara di cosa si vuole dire».

Pizzarotti e l’oscuro presagio sul destino (politico) di Luigi Di Maio

Il suo giudizio si estende anche alle politiche economiche portate avanti dalla maggioranza Lega-M5S che oggi, per la prima volta, hanno portato un risultato non negativo dal punto di vista della recessione, con l’Istat che ha annunciato un lieve calo della disoccupazione e un Pil che indica una risalita verso la stagnazione. Nulla di esaltante, ma quel raggio di luce nelle tenebre viene subito smorzato da Pizzarotti.

Le misure economiche da spot elettorale

«Difficile pensare che siano le misure del governo a far andare meglio l’economia, sono ragioni congiunturali – ha proseguito Federico Pizzarotti -. Tutte le misure adottate finora dal governo sono solo elettorali e non hanno portato a niente». Insomma, per l’ex grillino tutto questo fa precludere a un’esperienza politica di Luigi Di Maio sullo stampo di quella vissuta da Matteo Renzi. I due contendenti uniti dalla stessa sorte.

(foto di copertina: da diretta tv Otto e Mezzo, su La7)