Piazzapulita: «Il nostro inviato Antonino Monteleone in stato di fermo». Rilasciato, aveva intervistato il giudice Scognamiglio

di Redazione | 12/11/2015

Monteleone Piazzapulita

L’inviato di Piazzapulita Antonino Monteleone è stato posto per alcune ore in stato di fermo di polizia presso il commissariato del tribunale di Napoli senza che gli sia stato contestato nessun reato. Fermato per qualche ora è stato rilasciato. A riferirlo è la Stampa che ha intervistato Corrado Formigli, conduttore del talk televisivo.
«Nei corridoi del tribunale la Scognamiglio ha chiesto l’intervento di alcune persone in divisa, che è emerso essere della Guardia Costiera – ha spiegato Formigli a La Stampa – e Monteleone è stato portato al commissariato senza alcuna contestazione».

PIAZZAPULITA: ANTONINO MONTELEONE FERMATO

– La denuncia del fermo era partita sui social da Corrado Formigli, direttamente dal profilo Twitter del conduttore del talk show di La7 che torna in onda questa sera. Secondo quanto raccontato dallo stesso Formigli anche su Mentions, il video streaming di Facebook, Monteleone si trovava a Napoli per intervistare il giudice Anna Scognamiglio, protagonista dell’inchiesta che coinvolge il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, indagato per concussione per induzione. Un avvocato ha raggiunto in queste ore il reporter.

LEGGI ANCHE Piazzapulita: il finto profugo che bussa alla porta delle chiese e viene rifiutato

Aggiornamento sul caso #Monteleone e sulla puntata di stasera:

Posted by Corrado Formigli on Giovedì 12 novembre 2015

C’è però un problema, che sottolinea Formigli stesso a La Stampa. «Gli hanno sequestrato il telefonino con cui aveva ripreso l’intervista. Ancora non sappiamo se riusciremo a trasmettere le immagini questa sera».

PIAZZAPULITA: ANTONINO MONTELEONE E IL SERVZIO IN ONDA

– Alla fine il video è stato trasmesso su Piazzapulita. Con il volto del magistrato oscurato, che non risponde alle domande di Monteleone. Il servizio si interrompe davanti alla guardia, chiamata dalla Scognamiglio. Il giornalista è indagato ora per violazione della privacy.

guarda il video: