La prima paziente di Vo’ Euganeo guarita dal coronavirus: «In realtà non sono mai stata malata»

di Redazione | 27/02/2020

paziente vo' euganeo
  • Una paziente di Vo' Euganeo è guarita dal coronavirus

  • Ma lei afferma di non aver mai avuto alcun sintomo

  • Il fastidio per l'allarmismo sui social network

Vo’ Euganeo ci è stato presentato come il secondo focolaio del coronavirus dopo Codogno e Castiglione d’Adda. Qui si è registrata la prima vittima, il signor Adriano Trevisan. Qui è iniziato un controllo a tappeto che ha sottoposto a tampone quasi tutti i 3300 abitanti della cittadina in provincia di Padova. Tra questi anche una donna che, adesso, è stata dichiarata guarita. La paziente Vo’ Euganeo che è tornata nella propria abitazione ha parlato, un po’ seccata per quanto accaduto, con il Corriere della Sera. La sua testimonianza è utile per cercare di ricondurre un po’ tutti alla ragione.

LEGGI ANCHE > La gravissima immagine fatta passare dal governatore Attilio Fontana mentre indossa una mascherina

Paziente Vo’ Euganeo guarita, la sua reazione

La donna ha detto di aver fatto il tampone quando non aveva ancora sintomi e di essere risultata lo stesso positiva: «La verità – ha detto la donna – è che se il povero Adriano Trevisan non fosse morto, molti di quelli risultati positivi al tampone non se ne sarebbero nemmeno accorti».

Parla in virtù della propria esperienza personale: alla donna, infatti, quando è arrivata in ospedale, è stata somministrata una flebo a titolo di precauzione. Poi, è rimasta in osservazione per poche ore, senza alcun tipo di sintomo. «Avevo solo mal di testa per lo stress a cui ero stata sottoposta – ha detto -: ho chiesto se potevo prendere un Moment. Questo è stato l’unico farmaco che ho assunto». Per il resto nulla: visto il suo ottimo stato di salute, la donna è stata mandata a casa, dove ha proseguito il suo isolamento fiduciario.

«Io sono solo risultata positiva al coronavirus – ha spiegato la donna -. Leggo ovunque su Internet che sarei guarita, quando invece non sono mai stata malata. A meno di non voler farsi suggestionare, come all’inizio abbiamo fatto tutti». Ha affermato che sui social network ha notato un panico ingiustificato e che i problemi di cui dovremmo preoccuparci sono altri. La donna, adesso, è preoccupata per la sua attività: quando tornerà in pista, dopo la quarantena, afferma di dover sconfiggere il pregiudizio che ormai si è venuto a creare. All’inizio prevede inevitabili ricadute: «Ma dopo questa prima fase – ha dichiarato – sono convinta che passerà tutto».