Paragone messo in difficoltà da Mimma che prende 276 euro di reddito di cittadinanza

di Redazione | 10/05/2019

Paragone-Mimma

Non è stata una serata facile per Gianluigi Paragone, in collegamento con il programma di La7 Piazzapulita. La trasmissione di Corrado Formigli, infatti, ha deciso di raccontare le contraddizioni del reddito di cittadinanza, attraverso la testimonianza di una donna, Mimma, che si è vista promettere 780 euro mensili e che, invece, ne percepisce solamente 276.

LEGGI ANCHE > Gianluigi Paragone: «Caro M5S, vuoi essere come i gilet gialli ma ti comporti come il Pd»

Paragone-Mimma, le non risposte del senatore M5S sul reddito di cittadinanza

La donna ha raccontato la differenza tra l’attesa del reddito di cittadinanza e la realtà. Oltre alla cifra molto bassa rispetto al valore massimo della misura fortemente voluta dal Movimento 5 Stelle, la signora Mimma – disoccupata di 58 anni – non riesce a percepire nemmeno il contributo affitto previsto da Inps.

Inoltre, quando si è recata in un centro per l’impiego per chidere il lavoro che la misura del reddito di cittadinanza dovrebbe garantire, ha scoperto che non ci sono ancora i navigator e che non è ancora possibile far entrare a regime il sistema che dovrebbe permettere agli aventi diritto di ottenere le tre possibilità occupazionali previste dalla legge.

I problemi del collegamento a Piazzapulita Paragone-Mimma

Paragone, in un primo momento, ha cercato di rispondere sul fatto che i governi precedenti non abbiano dato le risposte giusto al ceto medio e che il Partito Democratico non aveva risolto il problema della povertà. Tuttavia, il senatore del Movimento 5 Stelle non ha risposto alle sollecitazioni sul merito e, incalzato dalle persone in studio, ha accusato problemi di ricezione del suo auricolare.

Anche durante il successivo collegamento, tuttavia, Paragone è stato molto evasivo nelle risposte e non ha soddisfatto pienamente le richieste della signora Mimma. Non proprio una bellissima figura, insomma.