Una vecchia vignetta pubblicata a New Orleans contro gli italiani ci ha aperto gli occhi su cosa sia il razzismo

di Gianmichele Laino | 10/04/2019

New Orleans
  • Un articolo di Gian Antonio Stella descrive un episodio di razzismo contro gli italiani avvenuto a New Orleans

  • Tutto partì da una vignetta satirica della rivista The Mascot

  • Quei racconti ricordano molto da vicino il clima che si sta respirando oggi nel nostro Paese

Ci vuole una vecchia vignetta pubblicata sul quotidiano di New Orleans The Mascot, un libro del saggista Richard Gambino dal titolo Vendetta e un articolo di recensione sul Corriere della Sera ad opera di Gian Antonio Stella ad aprirci gli occhi su cosa sia il razzismo? Non basta la crudeltà quotidiana nella quale stiamo vivendo e che ci mostra, attraverso episodi o commenti censurabili, quanto sia deprecabile l’odio su base etnica?

LEGGI ANCHE > «Stiamo morendo, moriremo in mare», il disperato appello dal barcone alla deriva tra Libia e Tunisia

Il linciaggio degli italiani a New Orleans

Ha fatto molto discutere l’articolo di Gian Antonio Stella, dicevamo, pubblicato oggi sul quotidiano di via Solferino in cui si descrive un episodio avvenuto a New Orleans nel 1891. Il 14 marzo di quello stesso anno, 11 italiani – tra cui un infermo mentale di nome Emmanuele Polizzi – furono accusati dell’omicidio del poliziotto David Hennessy. Tutti i coinvolti in quell’episodio, tuttavia, vennero ritenuti innocenti dal giudice.

Bastò questo per far scattare il linciaggio da parte della popolazione di New Orleans, che si accanì nei confronti degli italiani fino a ucciderli. Addirittura, si racconta che i loro corpi senza vita furono esposti per cinque lunghissime ore, alla mercé di tutti – anche di 2500 donne e bambini – che sfilarono davanti ai cadaveri anche solo per avere un ricordo di quanto avvenuto.

L’odio nei confronti degli italiani a New Orleans e la vignetta del The Mascot

Si trattò di un episodio in cui venne fuori, in maniera brutale, l’odio nei confronti degli italiani. Lo stesso sindaco di New Orleans definì i siciliani come gli «individui più abietti, più pigri, più depravati, più violenti e più indegni che esistano tra noi». Il razzismo partì da una vignetta pubblicata qualche anno prima sul The Mascot. In quella produzione, si vedevano persone con i tratti tipici degli italiani bighellonare in strada o dormire in affollati dormitori, o messi in gabbie degli accalappiacani o, ancora, buttati in acqua come pesci.

Sono immagini che rievocano una certa (brutta) satira dei giorni nostri. Questa volta non più diretta nei confronti degli italiani. E che viene portata avanti proprio in quel Paese che fu trattato così poco più di un secolo fa da quelle persone a cui aveva chiesto ospitalità e accoglienza per avere un futuro migliore rispetto a quello riservato loro dalla patria.

[FOTO: La vignetta di fine XIX secolo pubblicata sul The Mascot]

TAG: razzismo