Nega il Covid e organizza una cena con 20 persone: tutti contagiati e un morto

di Ilaria Roncone | 29/07/2020

Seppure abbia dell’incredibile, questa storia che arriva dagli Usa è vera. Tony Green è un negazionista Covid degli Stati Uniti che, sopo aver negato la gravità della situazione pandemia nel mondo, ha deciso di organizzare una cena a casa propria compagno e le due famiglie. Sottovalutare gli effetti del coronavirus, purtroppo, ha portato tutti i presenti a contrarre la malattia e la suocera dell’organizzatore a perdere la vita.

LEGGI ANCHE >>> Nonostante gli appelli degli esperti, Trump continua a diffondere fake news pericolose sul Covid-19

Negazionista Covid, 20 contagiati alla sua cena

Il bilancio della cena è organizzata dal negazionista del coronavirus, quindi, è tragico: la mamma del compagno è morta in seguito alle complicazioni legate al virus, come raccontato da Tony Green stesso e riportato da Bufale.net. La cena risale allo scorso 13 giugno, quando i due uomini e le rispettive famiglie si sono trovati in casa insieme. Dopo quell’incontro, stando alla testimonianza, tutti quanti sono risultati infetti. Ancora non è chiaro chi fosse il paziente zero ma Tony stesso è stato ricoverato per aver contratto il Covid, sviluppando anche complicanze respiratore. La suocera non ce l’ha fatta.

La testimonianza di Tony Green sul Covid

 

Considerato il ricovero e le conseguenze del gesto, Tony Green ha deciso di rendere pubblica la sua testimonianza e di fare un appello a tutti coloro che – nel mondo – sottovalutano il coronavirus e non credono agli effetti che può avere. «Non potete immaginare quanto mi senta in colpa per aver ospitato il raduno che ha provocato tanta sofferenza», ha dichiarato sui suo social, «ho preso in giro quelli che indossavano le maschere e rispettavano le distanze sociali. A coloro che negano l’esistenza del virus voglio dire che il Coronavirus è reale ed estremamente contagioso, e che puoi passarlo ai tuoi amici, famigliari, colleghi e vicini prima di scoprire di essere malato».